Rimborsi in Regione Lombardia, chiesta archiviazione per Civati e altri 32

ultimo aggiornamento: 16 dicembre, ore 20:44
Milano - (Adnkronos/Ign) - Nelle motivazioni si legge che ''la modestia di alcune spese rende l'approccio estraneo alla volont di approfittamento illecito delle risorse pubbliche"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 16 dic. (Adnkronos/Ign) - La Procura di Milano ha chiesto l'archiviazione per Giuseppe Civati e altri 32 tra consiglieri ed ex consiglieri della Regione Lombardia accusati di peculato nell'inchiesta sui rimborsi elettorali

Oltre a Civati, tra i candidati alle primarie del Pd, ci sono anche i nomi di Rosi Mauro, Raffaele Cattaneo, Sara Valmaggi, Enrico Marcora e Alessandro Alfieri. Nelle motivazioni della richiesta di archiviazione si fa riferimento alla "scarsa rilevanza economica del totale dei rimborsi richiesti per l'acquisto di beni non coperti da apprezzabile giustificazione. Infatti la modestia di alcune spese, rende l'approccio dell'indagato estraneo a quella volont di approfittamento illecito delle risorse pubbliche".

E' un lungo elenco di spese quelle escluse dai pm di Milano Alfredo Robledo, Paolo Filippini e Antonio D'Alessio, nella richiesta di archiviazione nei confronti delle 33 persone. "La scrupolosa e attenta analisi della numerosissima documentazione, il vaglio delle giustificazioni offerte dagli indagati, l'interpretazione sistematica delle norme di legge e di regolamento in materia, ha condotto a far ritenere giustificabili le spese sostenute per l'acquisto" di diversi beni o servizi tra cui quello di telefoni, computer, accessori informatici, il pagamento di bollette telefoniche per contratti Consip o convenzionati con l'ente, spese per la formazione e informazione politica, spese per la partecipazione a seminari, corsi, convegni e relative spese sostenute in tali occasioni (taxi, treni, ristoranti).

E ancora spese legate all'organizzazione di eventi relativi all'attivit politica del consigliere, spese di locazione per la segreteria politica e pranzi e cene "se contestualizzati nell'ambito di un evento di rilievo politico esterno, di rappresentanza del gruppo consiliare di appartenenza o della commissione consiliare di cui l'indagato membro".

Da ritenersi penalmente non rilevanti anche le spese per pranzi che "pur non rientrando in un concetto di rappresentanza in senso stretto e pur non collegati ad un evento ufficiale, il consigliere ha indicato precisamente come momento di incontro esterno, finalizzato alla trattazione di temi di politica regionali, con soggetti indicati o identificabili, appartenenti ad altre istituzioni territoriali".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Cronaca
commenta commenta 0    invia    stampa