Lo ha reso noto il ministero della Salute

Scandalo carne di cavallo, trovato Dna equino in alcuni rag Star

ultimo aggiornamento: 06 marzo, ore 19:25
Roma - (Adnkronos Salute/Ign) - L'Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna ha comunicato il riscontro della positivit in quattro prodotti gi ritirati. Utilizzata carne macinata congelata proveniente dalla Romania e acquistata dal fornitore francese Gel Alpes. Ikea, tracce di batteri in torte al cioccolato. Stop alle vendite in Italia e in 22 Paesi


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 6 mar. (Adnkronos Salute/Ign) - L'Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna di Brescia ha comunicato il riscontro della positivit per carni equine non dichiarate in etichetta in quattro prodotti prelevati dal Nas di Milano, in applicazione del monitoraggio disposto dal ministero della Salute, presso la ditta 'Star Stabilimento Alimentare Spa' di Agrate Brianza (Mb). Lo rende noto il ministero della Salute.

I prodotti risultati positivi alla prova per la ricerca di carni equine sono: Gran Rag con verdure Star - lotto LH 044 - scadenza 13.02.2016; Rag Bolognese Star - sugo al pomodoro con carne bovina, suina e olio di oliva - lotto LH 045 - scadenza 14.02.2016; Gran Rag Classico Star - lotto LH 035 - scadenza 04.02.2016; Gran Rag Classico Star - lotto LH 032 - scadenza 01.02.2016.

Il ministero in una nota fa sapere che "nei prodotti citati - secondo l'azienda - erano state utilizzate partite di carne macinata congelata proveniente dalla Romania e acquistate dal fornitore francese Gel Alpes di Saint Maurice - Manosque, gi posto sotto attenzione da parte delle Autorit transalpine".

Si evidenzia inoltre che "l'azienda" Star "a seguito dell'allerta europea, aveva gi attuato il blocco in autocontrollo e le procedure di ritiro dal mercato dei prodotti finiti".

"Il Nas di Milano, che aveva comunque sottoposto a sequestro sanitario cautelativo oltre 300.000 singole confezioni - aggiunge il ministero - in data odierna le ha sequestrate giudiziariamente per violazione dell'articolo 515 del c.p. (frode commerciale) e sta procedendo agli accertamenti sulla filiera".

"Quello di oggi - ricorda la nota - il quarto caso di positivit al Dna equino riscontrato dall'avvio delle operazioni di controllo. Intanto sta proseguendo su tutto il territorio nazionale, grazie all'azione dei Nas, degli Istituti zooprofilattici e delle Asl, l'attuazione del piano di monitoraggio ministeriale".

A intervenire poi la stessa Star che spiega di essere "vittima della vicenda al pari di altre primarie aziende nel settore alimentare". "I prodotti risultati positivi ai test - precisa l'azienda - appartengono a lotti che Star aveva gi provveduto a bloccare integralmente in via cautelativa presso il proprio stabilimento, come anche riportato nel comunicato del ministero della Salute. Nessun prodotto dei lotti in questione stato messo in commercio''.

Questi prodotti, continua l'azienda in una nota, "sono stati preparati con carne, che ci era stato assicurato essere 100% bovina, fornita dall'azienda francese Gel Alpes di Saint Maurice - Manosque, gi posta sotto attenzione da parte delle autorit transalpine nello scorso febbraio e con il quale Star ha interrotto la relazione commerciale". Inoltre "la produzione che Star ha effettuato con carne proveniente da tale fornitore rappresenta solo una minima parte della produzione di Star e riguarda un numero di lotti perfettamente identificati". La Star "aveva comunque gi avviato da tempo analisi supplementari su tutti i propri prodotti a base di carne, relazionandosi costantemente con le Autorit competenti. Parallelamente ed in via preventiva e cautelativa Star ha deciso di ritirare presso i propri clienti i lotti di produzione per i quali stata utilizzata materia prima sotto indagine del fornitore in oggetto, pur in assenza di evidenze analitiche".

L'azienda, poi, ribadisce ''che non ci sono rischi per la salute'' e mantiene a disposizione dei consumatori il proprio numero verde 800274094. Dall'inizio di questa vicenda, "la Star ha inoltre deciso di richiedere, in aggiunta alle tradizionali e gi dettagliatissime documentazioni sanitarie, l'analisi del Dna su tutte le carni ricevute da fornitori terzi per poter continuare a fornire ai clienti tutte le garanzie della qualit di Star. Si precisa inoltre che Star da sempre impegnata in un programma rigoroso di controllo e certificazione delle materie prime utilizzate nella lavorazione dei propri prodotti che prevedono rigidi parametri 'qualitativi', ulteriormente restrittivi rispetto a quanto stabilito dalla legislazione vigente e che tale misura stata presa allo scopo di ribadire la trasparenza nei confronti dei propri consumatori".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Cronaca
commenta commenta 0    invia    stampa