Taranto, crolla ponteggio all'Ilva: un operaio morto e uno ferito grave

ultimo aggiornamento: 01 marzo, ore 10:55
Taranto - (Adnkronos/Ign) - L'incidente mortale accaduto all'alba di oggi alla batteria 9 delle cokerie. Entrambi gli operai sono precipitati da un'altezza di 15 metri. Ciro Moccia, di 42 anni, non ce l'ha fatta. Antonio Liti, 45 anni, rimasto gravemente ferito. Erano stati chiamati per un pronto intervento alla colata. Otto indagati. Sciopero unitario dei sindacati: ''Tre morti in pochi mesi, forse saltata attenzione sulla sicurezza''


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Taranto, 28 feb. (Adnkronos/Ign) - Incidente mortale all'alba di oggi all'Ilva di Taranto. Un operaio morto e un altro rimasto ferito gravemente nel crollo di un ponteggio. Ciro Moccia, 42 anni, non ce l'ha fatta mentre Antonio Liti, 45 anni, dell'azienda Mir, rimasto gravemente ferito.

L'incidente avvenuto alla batteria 9 delle cokerie. Entrambi sono precipitati da un'altezza di 15 metri mentre si trovavano su una passerella sul piano di carico. I due operai erano stati chiamati per un pronto intervento alla colata.

Per l'infortunio mortale risultano indagate otto persone. Titolare delle indagini e' il pubblico ministero Ida Perrone. Tra gli indagati c'e' anche il direttore dello stabilimento, Antonio Lupoli, nominato solo qualche giorno fa al posto di Adolfo Buffo.

L'azienda ha sospeso tutte le attivit, esprimendo ''profondo dolore'' per l'incidente mortale, avvenuto ''nell'area cokerie durante una operazione di intervento di manutenzione alla batteria 9, una delle batterie ferme perch in rifacimento - si legge in una nota dell'Ilva - La dinamica in corso di accertamento, l'autorit giudiziaria sul posto. Il Presidente ed il Direttore di Stabilimento esprimono la loro vicinanza ai parenti e in segno di cordoglio sono state sospese tutte le attivit di Stabilimento".

Davanti a quanto accaduto i sindacati hanno proclamato immediatamente uno sciopero unitario. Sotto accusa la sicurezza. ''E' inaudito, non possibile - ha detto Mimmo Panarelli, segretario territoriale della Fim Cisl di Taranto - Dopo due anni che non si verificavano incidenti gravi, in pochi mesi si sono perse tre vite umane. Forse saltata l'attenzione sul tema della sicurezza. L'azienda ci deve spiegare''.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
ilva
tutte le notizie di Cronaca
commenta commenta 0    invia    stampa