Ne d notizia la Sala stampa della Santa Sede

I cardinali da marted 12 marzo in Conclave Si elegger il 266esimo Papa della storia

ultimo aggiornamento: 09 marzo, ore 09:47
Citt del Vaticano - (Adnkronos/Ign) - Lo ha stabilito l'ottava congregazione. Al mattino, nella Basilica di San Pietro, sar celebrata la Messa "pro eligendo Pontifice" e nel pomeriggio ci sar l'ingresso dei cardinali in Conclave. Crescono le quotazioni per un pontefice americano. Da Turkson a O'Malley, le parrocchie romane pregano per i loro 'papabili'. Consegnate le vesti per il nuovo Papa in 3 taglie diverse


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Citt del Vaticano, 8 mar. (Adnkronos/Ign) - L'ottava Congregazione Generale del Collegio dei Cardinali ha deciso che il Conclave per l'elezione del Papa inizier marted 12 marzo. Ne d notizia la Sala stampa della Santa Sede. Al mattino, nella Basilica di San Pietro, sar celebrata la Messa "pro eligendo Pontifice" e nel pomeriggio ci sar l'ingresso dei cardinali in Conclave.

Uscendo dall'aula del Sinodo in Vaticano i cardinali non si sbilanciano sulla possibile breve durata. "Confidiamo che sia un Conclave fruttuoso, al di l della sua durata", commentano alcuni cardinali, usciti a piedi sotto una pioggia battente. "Il fatto che tanti di noi siano intervenuti nel corso delle Congregazioni - commenta un altro porporato - la dimostrazione che la Chiesa viva".

In precedenza padre Federico Lombardi, nel consueto briefing quotidiano, aveva ricordato che sono 77 i voti necessari per eleggere il successore di Benedetto XVI al soglio di Pietro.

Elencando alcuni dettagli sul Conclave, padre Lombardi ha spiegato che i cardinali saranno completamente isolati dal resto del mondo: "Non riceveranno n notizie stampa, n potranno vedere la tv. Insomma nessuna comunicazione dall'esterno". Una minima deroga possibile "solo per gravi ragioni personali". Come prevede l'art. 43 del nuovo motu proprio saranno sorvegliati "e tutelati nell'itinerario da Santa Marta alla Sistina per evitare incontri o avvicinamenti".

I porporati "non saranno perquisiti corporalmente". Quanto alla sicurezza intorno a Santa Marta e alla Sistina, Lombardi ha specificato che i cardinali passeranno ovviamente dal metal detector e che ci saranno schermature elettroniche tra un ambiente e l'altro per impedire le comunicazioni. A disposizione dei cardinali, una volta entrati in Conclave, inoltre, ci saranno dei confessori.

Nel corso della settima Congregazione di questa mattina "si parlato anche del ruolo delle donne nella Chiesa", ha poi rivelato il portavoce della Santa Sede che arrivato in sala stampa vaticana con un mazzo di mimose in mano. "Mai come oggi - ha esordito padre Lombardi - il caso di dire 'care colleghe' e solo dopo 'cari colleghi', visto che oggi si celebra la Giornata Internazionale della Donna. Quindi, buon 8 marzo e tanti auguri a tutte le donne".

Le norme per l'elezione del Papa, annunciata come da tradizione dalla fumata bianca dal comignolo della Sistina, sono contenute nella Costituzione apostolica 'Universi dominici gregis', con la quale Giovanni Paolo II nel 1996 aveva stabilito alcune novit rispetto al passato. Il documento di Wojtyla affermava il principio ''che per la valida elezione del Romano Pontefice si richiedono i due terzi dei suffragi, computati sulla totalit degli elettori presenti''. Tuttavia aggiungeva un passaggio importante: se dopo 34 scrutini non si fosse arrivati a una scelta, i cardinali avrebbero potuto scegliere se andare avanti a maggioranza assoluta per sbloccare la situazione. Tale norma stata corretta ulteriormente da Benedetto XVI nel 2007 con il motu proprio dell'11 giugno del 2007 che ristabiliva il principio dei due terzi, vale a dire abrogava la novit della maggioranza assoluta anche in caso di stallo prolungato nel Conclave.

Una scelta che di fatto 'impone' ai cardinali di trovare un accordo ampio e condiviso. Prima che i cardinali lascino la Cappella Sistina le schede devono essere bruciate nella stufa. Un tempo per provocare la ''fumata nera'', con la quale si avvertivano i fedeli che non era ancora stato trovato il successore di Pietro, nella stufa si metteva della paglia umida. Oggi, invece, le due fumate, sia quella bianca che quella nera, vengono provocate con prodotti chimici.

Nel caso in cui dallo scrutinio esca il nome dell'eletto, l'ultimo dei cardinali diaconi chiama il Segretario del Conclave, il maestro delle cerimonie e i cerimonieri; quindi il cardinale Decano (in questo caso il vice decano, cio il cardinale Giovanni Battista Re, in quanto il decano, il cardinale Angelo Sodano, ha pi di 80 anni e non prende parte al Conclave), a nome di tutto il collegio degli elettori chiede il consenso dell'eletto con le parole ''accetti la tua elezione canonica a Sommo Pontefice?''.

Se il cardinale eletto decide di accettare l'incarico deve comunicare il nome col quale intende essere chiamato. L'accettazione si conclude con la redazione di un verbale e la vestizione del Papa per il rito di obbedienza. Vestito di bianco, con la stola, la mozzetta e la croce pettorale il Papa viene poi ricondotto nella Sistina dove ogni cardinale va a rendergli omaggio inginocchiandosi davanti a lui e baciando l'Anello del Pescatore.

A questo punto il successore di Pietro viene accompagnato alla loggia delle Benedizioni che d su Piazza San Pietro, dove il cardinale protodiacono (in questo Conclave Jean Louis Tauran), annuncia al fedeli ''Annuntio vobis gaudium magnum. Habemus papam reverendissimum ac illustrissimum dominum...'' e il nome di battesimo dell'eletto e quello da lui voluto per la sua missione da pontefice.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Cronaca
commenta commenta 0    invia    stampa