L'Eliseo afferma di aver gi ricevuto il via libera della sorella gemella

Camus al Pantheon? Il figlio dello scrittore sarebbe contrario

ultimo aggiornamento: 21 novembre, ore 22:00
Parigi - (Adnkronos) - Jean Camus si opporrebbe alla traslazione delle ceneri perch ''in contraddizione'' con la vita di suo padre. Secondo quanto riferisce 'Le Monde', temerebbe una ''appropriazione'' della figura da parte del presidente della Repubblica, Nicolas Sarkozy
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Parigi, 21 nov. (Adnkronos) - L'ingresso di Albert Camus al Pantheon, nel cinquantesimo anniversario della morte dello scrittore, si fa pi difficile. Jean Camus, il figlio dell'autore de 'L'Uomo in rivolta', infatti, sarebbe contrario alla traslazione delle ceneri di suo padre dal cimitero di Lourmarin, nel sud della Francia, al tempio dei grandi uomini francesi, a Parigi, perch sarebbe ''in contraddizione'' con la vita di suo padre. Jean Camus, secondo quanto riferisce 'Le Monde' sul proprio sito internet, temerebbe una ''appropriazione'' della figura di suo padre da parte del presidente della Repubblica, Nicolas Sarkozy.

Per cercare di convincere il figlio del premio Nobel per la letteratura (1957), la consigliere di Sarkozy ed ex giornalista al 'Point', Catherine Pegard, avrebbe gi incontrato Jean Camus due volte: gioved 12 novembre e ieri a Parigi, all'indomani delle rivelazioni sulla volont del capo dello Stato francese di portare Albert Camus al Pantheon.

L'Eliseo afferma di aver gi ricevuto il via libera della sorella gemella, Catherine Camus, che gestisce l'eredit di suo padre. Interpellata da 'Le Monde' la figlia di Albert Camus ha ammesso che si tratta di una vicenda ''affettiva complessa'' e ha rifiutato di parlare di suo fratello, che per ora non ha preso pubblicamente nessuna posizione. ''Non sono una giurista'' ha affermato la figlia al quotidiano che gli chiedeva se Jean Camus poteva rifiutare la traslazione delle ceneri di suo padre.

Dopo gli ingressi di Andr Malraux, nel 1996, e di Alexandre Dumas, nel 2002, al Pantheon (il cui frontespizio recita 'ai grandi uomini la patria riconoscente') voluti dall'ex presidente della Repubblica francese, Jacques Chirac, anche l'attuale capo dello Stato, Nicolas Sarkozy, vorrebbe lasciare la sua impronta. La traslazione delle ceneri di Albert Camus interverrebbe, infatti, all'inizio del 2010 in occasione del cinquantesimo anniversario della morte dell'autore de 'Lo Straniero' e de 'La Peste'. Nato il 7 novembre 1913 a Mondovi, in Algeria, Albert Camus deceduto il 4 gennaio 1960 a Villeblevin, in Borgogna.

Confermando le rivelazioni della stampa francese, Sarkozy, lo scorso 19 novembre, aveva sottolineato che ''sarebbe stata una scelta particolarmente pertinente farlo entrare al Pantheon''. Per il capo dello Stato francese ''sarebbe un simbolo straordinario'' e ''un progetto che mi sta a cuore. Ho gi preso contatto con i membri della sua famiglia. Ho bisogno del loro consenso'' aveva affermato.

L'Eliseo, quest' estate, avrebbe chiesto a diversi ministeri di proporre i loro candidati. Oltre al nome di Camus, suggerito dall'Eliseo, si erano fatti i nomi del compositore Hector Berlioz e dello scrittore Romain Gary.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Cultura
commenta commenta 0    invia    stampa