L'opera stata rinvenuta a Terranuova Bracciolini

Il tenore Canonici scopre inedita 'Annunciazione' di Giovanni Martinelli

Particolare dell'Annunciazione  Particolare dell'Annunciazione
ultimo aggiornamento: 17 marzo, ore 16:25
Firenze - (Adnkronos) - La tela del grande pittore del '600 era custodita in una chiesa di campagna nell'Aretino. A scoprirla il tenore diventato popolare grazie a 'Italia amore mio', la canzone classificatasi seconda al Festival di Sanremo 2010 interpretata insieme a Pupo ed Emanuele Filiberto di Savoia


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Firenze, 17 mar. (Adnkronos) - Un'inedita 'Annunciazione' del pittore Giovanni Martinelli (1600-1659), con un Arcangelo Gabriele sospeso da terra fluttuante che saluta la Vergine, stata scoperta dal tenore Luca Canonici, diventato popolare grazie a 'Italia amore mio', la canzone classificatasi seconda al Festival di Sanremo 2010 interpretata insieme ad Emanuele Filiberto di Savoia e Pupo.

L'opera stata rinvenuta a Terranuova Bracciolini (Arezzo), a pochi chilometri di distanza da Montevarchi, paese natale di Martinelli, uno dei grandi protagonisti della pittura del Seicento fiorentino, citt nella quale Canonici dirige il Museo d'Arte Sacra della Collegiata. Luca Canonici, studioso e autore di libri d'arte, ha identificato il quadro durante un sopralluogo in una chiesa di campagna.

In base alle ricerche documentarie effettuate, Martinelli dipinse l''Annunciazione' nel 1633 per l'omonima compagnia religiosa della Traiana di Terranuova Bracciolini, nello stesso periodo in cui esegu la pala con la 'Samaritana al pozzo' per l'Arcipretura di Santa Maria Bambina sempre a Terranuova.

La notizia della scoperta arriva alla vigilia dell'inaugurazione della mostra 'Giovanni Martinelli pittore di Montevarchi, maestro del Seicento fiorentino', che sar organizzata dalla Galleria degli Uffizi di Firenze nella citt natale dell'artista da sabato 19 marzo al 19 giugno. Curata da Andrea Baldinotti, Bruno Santi e Riccardo Spinelli, quella di Montevarchi la prima esposizione monografica dedicata a Martinelli, una delle figure pi affascinanti ed enigmatiche della pittura del Seicento, ma allo stesso tempo, se si esclude la ristretta cerchia degli specialisti, una delle meno conosciute.

L'inedita 'Annunciazione' identificata dal tenore Luca Canonici sar esposta, per la prima volta dopo il restauro, nella mostra 'I Concini - Tra Mecenatismo e avventura' a Terranuova Bracciolini dal 2 aprile al 19 giugno. La mostra dedicata alla potente famiglia dei Concini, che qui ebbe le sue origini e di cui fece parte Concino Concini, maresciallo d'Ancre alla corte di Francia, barbaramente ucciso a Parigi dai nobili francesi che aveva, per sterminato potere politico ed economico, ampiamente oscurato.

L''Annunciazione' del Martinelli rappresenta uno straordinario Arcangelo Gabriele, sospeso da terra fluttuante, che domina la scena: con la mano destra regge un ramo di gigli, bilanciando il gesto della mano sinistra che, alzata, saluta la Vergine. Maria, ammutolita e attonita, guarda l'annunziante, palesando la sua tensione, quasi una citazione della celebre scultura di Francesco Mochi. In alto, tra le nuvole e gli angeli, Dio padre.

La tela purtroppo deturpata da un'estesa bruciatura, che interessa in parte anche il volto della Vergine e in cui riconoscibile la stessa modella usata per la 'Samaritana al pozzo', sempre a Terranuova Bracciolini. Per il dipinto lo storico dell'arte Riccardo Spinelli ha proposto la datazione del 1633, dopo il soggiorno romano di Martinelli e 'Il Miracolo della Mula', la prima opera conosciuta dell'artista.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Cultura
commenta commenta 0    invia    stampa