LIBRI: EMMA TRAVET FIRMA 'VOGLIO SCRIVERE PER VANITY FAIR'

ultimo aggiornamento: 23 dicembre, ore 15:28
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 23 dic. (Adnkronos) - Cronaca di un sogno infranto. Storia di una giovane giornalista che, da due anni, invia un curriculum a Vanity Fair nella speranza di essere convocata prima o poi per un colloquio. Speranza vana ed inutile. Dalla redazione del settimanale, infatti, non arrivano risposte. A raccontare le sue esperienze "precarie" nel mondo del giornalismo e' Emma Travet, autrice del libro ''Voglio scrivere per Vanity Fair. Precaria si', ma con stile'', pubblicato da Memori.

La Travet, una giovane piemontese, e' costretta a sopravvivere lavorando in una piccola redazione di provincia.Un lavoro che la mette a dura prova dal momento che il suo capo, Mr. Vintage, la sfrutta senza lasciarle la possibilita' di fare qualche passo in avanti. Il suo piu' grande desiderio e' quello di poter entrare nella redazione di Vanity Fair.Crede che, prima o poi, se non altro per sfinimento, le risponderanno. ''Sono una sfigata giornalista pubblicista di 26 anni - scrive Emma Travet. I miei sogni di gloria si sono subito infranti contro la cravatta di Paperino indossata da Mr Vintage, il giorno in cui ho firmato il contratto di co.co.pro (collaborazione coordinata a progetto. Cioe': complimenti, ti stiamo prendendo in giro, con il tuo consenso, ti spremeremo finche' ci sarai utile)''.

Emma e' costretta a vivere con poche risorse. Cerca di 'sopravvivere' movendosi sul terreno incerto della precarieta', superando giorno dopo giorno tante difficolta' e ristrettezze. E' costretta a trascorre gran parte del suo tempo in un ambiente in cui nessuno la gratifica riconoscendo le sue qualita'. Non puo' usuifruire delle garanzie che spettano ai suoi colleghi. La disoccupazione, la maternita' e i contributi rappresentano, per lei, un orizzonte lontano e indefinito. Eppure, non si abbatte ma cerca di guardare con fiducia al suo futuro. Presenta, cosi', ai suoi lettori, soprattutto ai giovani che si trovano nella sua condizione, una ricetta per sopravvivere anche con poche risorse. Una ricetta che aiuta tutti a non privarsi delle piccole cose che rendono la vita piu' leggera.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Cultura
commenta commenta 0    invia    stampa