La scoperta: stesso grafema ritrovato nei documenti dell'artista

Negli occhi della Gioconda, una lettera (svelata) risolve l'enigma dell'identit

Gli occhi della Gioconda  Gli occhi della Gioconda
ultimo aggiornamento: 23 dicembre, ore 17:20
Roma - (Adnkronos) - Nella pupilla destra di Monna Lisa si legge una S che "rinvia agli Sforza": si restringe cos il campo intorno al nome delle presunta modella ritratta da Leonardo. Silvano Vinceti: "A gennaio diremo chi " (FOTO)


condividi questa notizia su Facebook

leggi i commenti    commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 23 dic. (Adnkronos) - La sigla negli occhi della Gioconda non pi un mistero. ''La lettera emersa nell'occhio destro ha raggiunto la chiarezza necessaria: si tratta di una S''. E' quanto afferma Silvano Vinceti, presidente del Comitato Nazionale per la Valorizzazione dei Beni Storici Culturali e Ambientali, spiegando all'ADNKRONOS lo sviluppo delle analisi effettuate sul dipinto di Leonardo dopo un primo indizio da parte di un iscritto al Comitato, studioso del celebre pittore fiorentino.

Non solo. ''Cosa pi importante - aggiunge Vinceti - un'analisi comparativa con la scrittura di Leonardo ha evidenziato la corrispondenza fra la S trovata e la S che l'artista trascriveva in alcuni suoi documenti. Anche nell'occhio sinistro, pur se sussistono alcune difficolt di chiarezza comprensibili dopo 500 anni e la inevitabile azione corrosiva degli agenti atmosferici e umani, emerge maggiormente rimarcata la lettera L come Leonardo''.

Una risposta concreta a ''tutti gli scettici - sottolinea il presidente del comitato - secondo i quali avremmo proiettato noi, dentro gli occhi della Gioconda, le nostre percezioni e aspettative. Dovrebbero invece, tener conto di quanto Leonardo sosteneva nel Codice Atlantico in cui ribadisce come il sapere ha il fondamento nell'esperienza. Quello che oggi siamo in grado di affermare visibile e non confondibile''.

Con questo risultato inoltre, secondo Vinceti, sarebbero risolti i dubbi sull'autore della Gioconda e sulla identit della modella scelta da Leonardo per il dipinto. ''La S rinvia agli Sforza e muta l'ambito e il tipo di ricerca sulla presunta modella che avrebbe ispirato la Gioconda - ribadisce - Viene confermato quanto affermato nei giorni scorsi e cio che la Gioconda dovrebbe essere stata iniziata nel periodo di presenza di Leonardo a Milano (1482-1499) o, anche se meno probabile, nel successivo periodo della sua presenza presso la corte degli Sforza (1506-1507) e ritorna a Milano per un breve soggiorno nel Dicembre nel 1515''.

Intanto, alcuni membri dello staff del Comitato sono da pi di due mesi impegnati in una approfondita ricerca storico-documentaria e biografica al fine di accertare quale potrebbe essere la modella ispiratrice della Gioconda. Tra le ipotesi Bianca Giovanna Sforza, figlia illegittima di Ludovico il Moro, morta a 14 anni avvelenata; Bianca Sforza e Beatrice d'Este d'Aragona, moglie di Ludovico il Moro morta a 22 anni, frequentava Leonardo mentre finiva 'L'ultima Cena'. ''A gennaio renderemo noti i risultati della ricerca - sostiene Vinceti che chiarisce - questa scoperta indebolisce ma non esclude l'altra ipotesi che attribuisce alla Gioconda il volto di Lisa Gherardini''.

Intanto, lo storico non manca di rispondere al critico d'arte Vittorio Sgarbi che si definito scettico nei confronti di questa nuova 'scoperta': ''Conoscendo il mio amico Sgarbi non sono rimasto molto stupito dalle sue affermazioni per, prima di gettare parole al vento avrebbe dovuto fare una verifica. Per Natale gli regaler una confezione di fotografie sulla Gioconda, i segni da noi visti e verificati''.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Cultura
commenta commenta 0    invia    stampa   
ugc
boemondo ha scritto (28/12/2010 - ore 16:00) segnala un abuso
ugc
"Non rester di mettere fra questi precetti una nuova invenzione di speculazione, la quale, bench paia piccola e quasi degna di riso, nondimeno di grande utilit a destare l'ingegno a varie invenzioni..." ossia vedere nelle macchie sui muri paesaggi, mostri ed angeli. Leonardo da Vinci
ugc
ugc