Editori a caccia di libri da pubblicare

Salinger, cresce il mistero dei 15 manoscritti inediti custoditi nella cassaforte

J.D. SalingerJ.D. Salinger
ultimo aggiornamento: 29 gennaio, ore 19:33
New York - (Adnkronos) - Nel 1999 Jerry Burt, un vicino di casa dell'autore di 'Il giovane Holden' deceduto lo scorso 27 gennaio, afferm che lo scrittore gli aveva confidato di aver continuato a scrivere per anni dall'uscita del suo ultimo racconto a stampa nel 1965. Ma la famiglia e gli avvocati restano in silenzio
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
New York, 29 gen. - (Adnkronos) - Con la scomparsa di J.D. Salinger, all'et di 91 anni, cresce il mistero ed anche l'appetito degli editori per i manoscritti finiti ed incompiuti che sarebbero custoditi nella cassaforte della sua casa di Cornish, nello stato americano del New Hampshire. Nel 1999 Jerry Burt, un vicino di casa dell'autore di 'Il giovane Holden', afferm che lo scrittore gli aveva confidato di aver continuato a scrivere per anni dall'uscita del suo ultimo racconto a stampa nel 1965 e di avere almeno 15 libri inediti dentro la sua cassaforte.

Inutile, per ora, chiedere agli eredi o ai rappresentanti legali dello scrittore, che ha fatto della sua riservatezza e autoreclusione una leggenda, cosa possa aver lasciato ai posteri 'la Greta Garbo della letteratura', come Salinger stato definito dal 'New York Times'.

''No comment'', si limitata a dichiarare Phyllis Westberg, l'agente letterario di Harold Ober Associates Inc., la societ che ha rappresentato negli ultimi decenni Salinger. Nessun nuovo libro in programmazione da parte del suo editore americano, ha precisato Little, Brown & Co. Nessuna risposta alle domande dei giornalisti su cosa ci sia in quella cassaforte stata offerta dall'avvocato Marcia B. Paul, che ha fornito assistenza legale allo scrittore negli ultimi otto anni.

Il figlio di Salinger, Matt, ha dichiarato che sulla questione non puo' rispondere ed ha invitato i giornalisti a rivolgersi a Phyllis Westberg. Dunque, il mistero resta fitto, accompagnato per dall'interesse degli editori a far luce sulle tante voci che sono a lungo circolate sugli scritti di Salinger non destinati ad essere pubblicati fino a che lui fosse stato vivente.

Qualcosa sembra sapere l'ultimo editore che ha avuto un contatto con Salinger: nel 1997 Roger Lathbury, un docente universitario americano che dirige Orchises Press, una piccola casa editrice della Virginia, acquist i diritti per la pubblicazione in volume di 'Hapworth 16:1924', l'ultimo racconto pubblicato da Salinger, apparso sulla rivista 'The New Yorker' nel 1965. Bast l'annuncio dell'imminente pubblicazione del libro a scatenare un caso internazionale: Salinger non grad il clamore e ritir il consenso alla stampa.

Oggi Lathbury del parere che ''i lavori che Salinger ha scritto nella sua casa di Cornish siano stati tutti conservati''. ''Quei manoscritti fanno ora parte della sua successione e saranno dunque gestiti da chi stato indicato nel testamento'', ha aggiunto Lathbury, precisando: ''Credo che nessuno sappia cosa c' di preciso in quella cassaforte''.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Cultura
commenta commenta 0    invia    stampa