Scrittori: e' morto Giuseppe D'Agata, scrisse 'Il medico della mutua'

ultimo aggiornamento: 29 marzo, ore 19:51

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Bologna, 29 mar. (Adnkronos) - Giuseppe D'Agata, Presidente del Sindacato Nazionale Scrittori, uno degli autori che hanno reso grande la narrativa italiana del novecento, tra i primi a muoversi con moderna versatilita' tra la pagina scritta, la sceneggiatura per il cinema e la televisione e le partiture per la radio, si e' spento questa mattina a Bologna alle 5 e 30.

Di lui si ricorda 'Il medico della mutua', romanzo uscito nel 1964 per Feltrinelli e dal quale e' stato tratto un memorabile film nel 1968 diretto Luigi Zampa e interpretato da Alberto Sordi, o 'Il segno del comando', sceneggiato che la Rai produsse nel 1971 con un cast che comprendeva Ugo Pagliai, Carla Gravina e Rossella Falk. A questi successi hanno fatto seguito ancora molte altre sue opere, alcune delle quali molto innovative per lo stile, come il recente 'I passi sulla testa' (Bompiani 2007).

Ma la storia di Giuseppe D'Agata va oltre la letteratura: partigiano a diciassette anni nella Brigata ''Matteotti Sap'' e militante socialista nel 1944 nelle file del Psiup, D'Agata, che era nato a Bologna nel 1927, ha vissuto intensamente l'impegno civile e politico, rielaborandolo poi nelle sue opere, ad in romanzi come Bix e Bessie, uscito poi con il titolo di La cornetta d'argento, storia di musica jazz e antifascismo che gli fa vincere nel 1965 il premio ''XX della Resistenza'' di San Pietro Agliano (Pistoia) e che verra' ripubblicato nel 1973 in edizione scolastica. O come Il dottore, storia ambientata nel 1940 che ha per protagonista un uomo che progetta un attentato contro Benito Mussolini per impedire che l'Italia entri in guerra. Oppure, ancora, come L'esercito di Scipione. Il romanzo dell'8 settembre, pubblicato nel 1960 dalla bolognese Editrice Galileo. Il romanzo ha avuto una storia fortunata: riedito una prima volta nel 1972 da Bompiani e poi di nuovo nel 1977 per essere inserito in collana tascabile, ha avuto anche una trasposizione cinematografica nel 1977 con la regia di Giuliana Berlinguer e Piera Degli Esposti tra gli interpreti.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Cultura
commenta commenta 0    invia    stampa