Arriva l'App sulle interazioni dei farmaci e per le segnalazioni di farmacovigilanza

ultimo aggiornamento: 05 giugno, ore 15:58
L'incidenza di reazioni avverse aumenta in maniera quasi esponenziale con il numero di farmaci assunti contemporaneamente


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 5 giu. (Adnkronos Salute) - Arriva una nuova App per le interazioni fra i farmaci e le segnalazioni di farmacovigilanza, su misura per medici e farmacisti. L'incidenza di reazioni avverse aumenta in maniera quasi esponenziale con il numero di farmaci assunti contemporaneamente. Un fenomeno importante negli anziani e nei pazienti affetti da patologie croniche (diabete, insufficienza renale, cardiopatie), con costi sociali importanti. Tanto che i medici, consapevoli del problema, sentono fortemente la necessita' di essere aggiornati in maniera costante e obiettiva. Proprio per poter rispondere concretamente al problema la Fism (Federazione delle societa' medico-scientifiche italiane), in collaborazione con un Board di farmacologi e un Provider tecnico, ha realizzato "la prima Banca dati sulle interazioni tra farmaci, regolarmente aggiornata tramite fonti internazionali accreditate".

Dopo aver messo a disposizione la Banca dati sulle interazioni nella versione Widget, installabile sui pc di medici e farmacisti, la Fism ha realizzato una versione 'App' che potra' essere scaricata e installata su tutte le principali piattaforme adottate dagli SmartPhone, quali: iOS (iPhone), Android, Windows. "Medici e farmacisti potranno consultare la Banca dati in qualunque momento anche in modalita' off-line. Il collegamento a Internet sara' necessario solo per scaricare gli aggiornamenti della banca dati", si legge in una nota. L'obiettivo principale del progetto e' fornire ai professionisti sanitari uno strumento di facile e rapida consultazione, costantemente aggiornato e sempre a disposizione.

Attraverso una veloce interrogazione della Banca dati, i medici potranno estrapolare i seguenti dati relativi alle interazioni fra 2 principi attivi o fra 2 brand: rilevanza clinica, possibili effetti, meccanismo d'azione, comportamento clinico ed eventuali note. Oltre alla Banca dati sulle interazioni, medici e farmacisti potranno utilizzare l'App anche per la segnalazione delle reazioni avverse ai farmaci e ai prodotti a base di piante officinali e integratori alimentari. "Un'azienda farmaceutica ha gia' acquisito il servizio in esclusiva per i seguenti specialisti: oncologi, gastroenterologi e psichiatri. Grazie al contributo di altre aziende sponsor prevediamo di poter fornire il servizio gratuitamente a tutta la classe medica italiana. ogni azienda sponsor potra' acquisire il servizio in esclusiva per gli specialisti di proprio interesse", conclude Fism.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa