'Dillo a Obama' Nasce il gruppo su Facebook dopo lo sfogo del Cavaliere

Il gruppo Facebook 'Dillo a Obama'Il gruppo Facebook 'Dillo a Obama'
ultimo aggiornamento: 27 maggio, ore 15:25
Roma - (Adnrkronos/Ign) - Il faccia a faccia tra Silvio Berlusconi e Barack Obama diventato un tormentone sul web. Sul social network ironici 'cahiers de doleances', ma anche critiche e invettive


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 27 mag. (Adnkronos/Ign) - In meno di 24 ore il faccia a faccia tra Silvio Berlusconi e Barack Obama di Deauville diventato un tormentone sul web. Su Facebook nato il gruppo 'Dillo a Obama' che ospita ironici 'cahiers de doleances' sulla falsariga delle parole d'ordine che si sono sentite in questa campagna elettorale, ma anche critiche e invettive dirette al Cavaliere.

Fra i post pi lievi, quello di Sara: "Mr Obama, non che pu far riunire i Beatles, che sono stati sciolti da Pisapia?". Elisa sconfortata e chiede consiglio: "Mr. Obama, mi vergogno un po' del mio Paese. Cosa posso fare?".La replica senz'appello: "Trasferisciti". Lorenzo domanda se si "pu mettere un ministero pure a Terracina" e a Roberta che si interroga su cosa pu fare perch "ho perso il cervello", 'Obama' risponde: "Buon segno, non cercarlo fino a luned pomeriggio".

Roberto, pi prosaicamente, chiede che gli Usa mandino "i Navy Seals per annientare lo stereo del mio vicino e lui stesso la sera". Giuseppe si siede sul lettino dello psicanalista: "Mr. Obama, ho un sogno ricorrente: 'Un nano mi rincorre'. Anche lei?". C'e' Paola che chiede al 'Presidente' americano un aiuto perch "mi si rovinato lo smalto" e lui risponde: "Aspetta luned, a Milano e Napoli si vender solo smalto rigorosamente rosso". Giovanni lamenta l'infestazione di "zanzare rosse" che turbano i suoi sogni, invoca il numero uno della Casa Bianca: "Non potresti istituire una No Fly Zone sopra casa mia"? "Mr. Obama - il lamento di Sonia- sono perseguitata dalla dittatura dei chili di troppo, una riforma delle taglie indispensabile, non pensa?".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa