Pazzi per la campagna, e se non virtuale...

Facebook e FarmVille, crisi. E i cyber-agricoltori adottano mucche vere

FarmVille  FarmVille
ultimo aggiornamento: 17 maggio, ore 17:02
Roma - (Ign) - Questioni di soldi incrinano il rapporto tra il social network e il produttore di giochi online Zynga: imminente una separazione. Ma boom di adozioni di mucche in carne ed ossa. La conferma dalla Coldiretti. Gb, 12enne con bancomat della mamma spende oltre mille euro su Farmville
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 17 mag. - (Ign) - Facebook deve il suo successo anche a FarmVille, uno dei games pi diffusi in Rete. Ma il matrimonio tanto fortunato tra il social network che oggi registra oltre 400 milioni di utenti in tutto il mondo (16 milioni solo in Italia) e il produttore di giochi online Zynga si sta incrinando per questioni di soldi. Cos da un giorno all'altro tutti gli appassionati di coltivazioni e allevamenti di bestiame virtuali potrebbero ritrovarsi senza pi niente. E allora non resterebbe che adottare mucche in carne ed ossa, una pratica non cos desueta, visto il "boom di adozioni". Forse, proprio sulla scia di FarmVille.

Secondo il quotidiano britannico Times, Facebook avrebbe deciso di modificare gli accordi con Zynga e le altre aziende che costruiscono applicazioni per il sito. La volont del social social network quella di applicare una commissione del 30% su tutte le transazioni finanziarie effettuate sul portale di propriet. Una decisione che non va gi all'azienda software, tra l'altro creatrice di FishVille e CafWorld. Perch vero che FarmVille gratis ma come sanno i ben 83 milioni di pollici verdi virtuali che transitano nel gioco ogni mese per salire di livello necessario acquistare alcuni elementi con piccole quantit di denaro vero. Fatto qualche conto, il giro d'affari per Zynga non male: circa 150 milioni di dollari l'anno. E l'azienda non disposta a cederne una parte.

Aspettando mosse strategiche e una svolta per tranqullizzare tutti i cyber-agricoltori che popolano FarmVille, si pu sempre adottare un animale vero. E' il nuovo trend che cattura tante persone con la passione della campagna. Secondo la Coldiretti " boom delle adozioni in agricoltura dove si moltiplicano i cittadini che vogliono diventare partner delle aziende agricole, condividendone i rischi e le opportunit nell'attivit di allevamento e in quelle di coltivazione". Un gran numero ha cos deciso di seguire il processo produttivo dell'azienda agricole direttamente o attraverso il web.

Si sta manifestando la tendenza, spiega Coldiretti, a scegliere questo nuova strada come fosse "un modo per garantirsi una sorta di 'second life' e trasformarsi in 'Avatar' della campagna, ma anche per assicurarsi forniture di prodotti alimentari genuini, freschi, di origine garantita con il miglior rapporto prezzo /qualit grazie al taglio di tutte le intermediazioni. Non manca peraltro - evidenzia l'organizzazione - il valore etico di una operazione che aiuta a salvare l'agricoltura del territorio e con essa l'ambiente, il paesaggio, le tradizioni e una cultura locale che si tramanda nei secoli".

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa