Dai dati dell'Osservatorio TuttiMedia - Media Duemila

Furto d'identit sul web, l'allarme degli esperti: otto mln di italiani a rischio

(Xinhua)  (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 28 novembre, ore 19:54
Roma - (Adnkronos) - Un giovane su tre condivide on line informazioni private, ignorando le informative sulla privacy e utilizzando molto spesso connessioni non sicure. Da qui la necessit di insegnare fin dalla scuola come difendersi e gestire al meglio il proprio profilo digitale


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 28 nov. (Adnkronos) - Quasi otto milioni di italiani sono esposti a furto d'identit. Il 60% degli europei che frequenta le reti sociali e utilizza Internet, per comprare e vendere online, rivela i propri dati personali sui siti cui accede. Di questi quasi il 90% rilascia informazioni biografiche, il 50% informazioni sociali e il 10% informazioni sensibili. Ma il 70% di questi dichiara di essere preoccupato di come le imprese usano questi dati e ritiene di avere solo un controllo parziale, se non nullo, su queste informazioni. Sono alcuni dati dell'Osservatorio TuttiMedia - Media Duemila, presentati oggi nel corso della tavola rotonda 'Ombre e nebbie nell'era dei social media e della trasparenza', nell'ambito del premio 'Nostalgia di futuro', celebrato in ricordo di Giovanni Giovannini, presso la Fieg, a Roma.

Se guardiamo alla popolazione giovanile mondiale, addirittura il 30% che ha accesso a internet condivide online informazioni private ignorando le informative sulla privacy e molto spesso utilizza connessioni non sicure. ''L'utente deve decidere quale immagine vuole proiettare nel mondo -ha sottolineato Derrick de Kerckhove, massmediologo e direttore scientifico della rivista Media Duemila- deve avere accesso ai dati raccolti su di lui oltre ad avere il diritto di decidere se essere incluso in una statistica di acquisti''. ''E' necessaria una costituzione globale -ha proseguito de Kerchove- che protegga i diritti del cittadino, la sua privacy e garantisca il potere di gestire la propria persona digitale. Esiste non solo un diritto ma anche un dovere di sapere. Bisogna insegnare fin dalla scuola come gestire il proprio profilo digitale e come imparare a difendersi dal controllo per non mettersi addosso una camicia di forza elettronica. Un programma di educazione che dovrebbe rientrare nell'Agenda Digitale''.

''La tutela dell'identit attiene alla verit dell'informazione'', ha affermato, nel suo contributo ai lavori Luida Todini, consigliere d'amministrazione della Rai. "I social network sono diventati un modo per 'metterci la faccia', partecipare al dialogo. La Rai ha una grande attenzione per le nuove opportunit, ma con quel senso di responsabilit che ci impone la nostra missione di essere servizio pubblico''. A rilanciare la sfida della qualit dell'informazione nel mondo dei nuovi media, stato anche Franco Siddi, segretario generale della Fnsi, per il quale ''occorre coniugare giornalismo moderno e qualificato, che non perde la propria identit con le nuove sfide dell'informazione. Un percorso -ha rimarcato- nel quale le imprese devono investire sulla carta dell'innovazione, che il futuro''.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa