IT: Cyberoam iView presenta le appliance con capacit terabyte per il logging e il reporting

ultimo aggiornamento: 18 gennaio, ore 17:33
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 18 gen. - (Ign) – Cyberoam iView, la soluzione open source di logging e reporting, ora disponibile anche come appliance, una nuova soluzione efficiente per aziende di ogni dimensione con un occhio di riguardo ai costi. Le appliance Cyberoam iView permettono di centralizzare in un unico punto le attivit di logging e reporting di tutti i dispositivi del network, fornendo una visione unificata ed esaustiva delle attivit del network in qualsiasi punto della rete esse avvengano, anche geograficamente dislocati. Grazie a dispositivi hardware efficienti e precaricati, con capacit terabyte, le appliance sono semplici da installare e facili da gestire. L’utilizzo della tecnologia RAID permette alle appliance di offrire la ridondanza e alti livelli di affidabilit dello storage, garantendo che i log report siano al sicuro anche in caso di avarie dell’hard disk. “Avere una visione unificata delle attivit del network una necessit delle aziende italiane di ogni dimensione, ma fino ad oggi il raggiungimento di questo obiettivo ha sempre causato ritardi, creato rischi di sicurezza e comportato alti costi in termini di capitale umano impegnato nei processi di monitoraggio e reporting" dice Massimo Grillo, General Manager di Horus Informatica, distributore per l’Italia delle soluzioni Cyberoam. “Con le nuove appliance iView Cyberoam in grado di rispondere a tre necessit fondamentali delle aziende italiane: efficienza, visibilit unificata del network e facilit di gestione delle soluzioni. I nostri partner di Canale saranno inoltre in grado di rispondere ancora meglio alle vere necessit delle aziende di ogni dimensione”.

Il lancio delle appliance iView risponde in maniera tempestiva alle crescenti richieste da parte delle aziende di soluzioni dedicate di logging e reporting che permettano di tenere sotto controllo le attivit degli utenti in network distribuiti e in casi di accesso da remoto, rispettando allo stesso tempo la compliance. A dimostrarlo sono i numeri stessi che vedono una crescita del 25% anno su anno del mercato SIEM (Security Information and Event Management), un mercato del valore stimato a oggi di 1,3 miliardi di dollari. Le appliance Cyberoam iView permettono alle aziende di avere completa visibilit sulle attivit del network con disponibilit di ottenere report in tempo reale su sicurezza e accessi in relazione a attacchi di virus, spam, utenti web e altro, rafforzando i livelli di sicurezza e confidenzialit dei dati delle aziende. Le appliance offrono inoltre funzionalit di archiviazione per il rispetto dei requisiti di legge. “L’apertura di Cyberoam all’open source ha dimostrato ancora una volta la capacit dell’azienda di comprendere le vere necessit del mercato. Il software iView stato accolto con enorme interesse e, grazie alle nuove appliance e al supporto tecnico di altissimo livello offerto sul mercato italiano, siamo sicuri che anche questo nuovo lancio sar un successo - continua Grillo -. Il coinvolgimento della comunit open source permetter inoltre un continuo aggiornamento della soluzione e le aziende avranno a disposizione uno strumento continuamente ricco di novit, a costi decisamente contenuti e affrontabili con ogni tipologia di budget”.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa