Internet: Cardani (Agcom), su pirateria digitale chiarire potere Authority

ultimo aggiornamento: 24 maggio, ore 14:39

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 24 mag. (Adnkronos)- La pirateria digitale e' "un fenomeno complesso" che richiede innazitutto da parte degli utenti, "un approccio di educazione alla cultura della legalita'" e su questo punto "l'approccio dell'Agcom e' volto in primo luogo ad educare i cittadini-utenti". E' Angelo Cardani, presidente dell'Autorita' per le Garanzie nelle Comunicazioni, a ritornare cosi' sul dossier del diritto d'autore on line. Diversi i dubbi e le criticita' ancora aperti che Cardani ha sollevato nel corso di un workshop a Roma promosso dall'Agcom. A cominciare, oltre agli aspetti economici del fenomeno, dai "profili sia della competenza" che "del perimetro e delle relative modalita' d'intervento" dell'Autorita', ha sottolineato Cardani parlando ad una platea di rappresentanti di diverse Autorita' europee e di esperti, nel corso dell'incontro che l'Agcom ha voluto per avviare un confronto tra istituzioni e stakeholder in vista dell'approvazione del Regolamento sul diritto d'autore online che stenta a vedere la luce. "L'Autorita' sta riflettendo approfonditamente sulle questioni aperte e sulle potenziali criticita' di un eventuale intervento" ha detto Cardani aggiungendo "a va sans dire, che qualora il Parlamento intervenisse ad adottare una riforma della legge che tutela il diritto d'autore per adeguarla alla nuova realta' tecnologica e di mercato, l'Autorita' sarebbe lieta di cedere il passo, ed eventualmente conformare la propria azione alle previsioni del legislatore". Ma intanto, viste le attuali norme, ha aggiunto ancora Cardani, "l'Agcom ritiene opportuno procedere nell'analisi del dossier, in quanto appare legittimata dalle disposizioni esistenti".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
Internet
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa