Grillo: ''Con la chiusura dei siti violenti stop anche alla Padania''

Internet e cortei, Maroni: ''Meglio un ddl''. Grillo: ''Se toccate il web perdete voti''

ultimo aggiornamento: 16 dicembre, ore 18:52
Roma - (Adnkronos/Ign) - Il ministro dell'Interno: ''Le norme che puntano a prevenire e a reprimere la commissione di reati via web riguardano delicati aspetti della libert di espressione''. Fini: ''Non servono norme aggiuntive, applicare quelle esistenti''. Opposizione: ''No alla censura della Rete''
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 16 dic. (Adnkronos/Ign) - Non sar un decreto legge, quanto piuttosto uno o pi ddl a contenere le norme che puntano a prevenire e reprimere la diffusione dei reati via web. La stessa strada verr adottata per le nuove regole sulle manifestazioni di piazza. Il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha spiegato alla Camera come intende procedere domani al Consiglio dei ministri.

"Non far obiezioni - ha affermato il ministro dell'Interno in Transatlantico - se domani il Cdm decidesse di procedere con un ddl piuttosto che con un decreto legge. Le norme che puntano a prevenire e a reprimere la commissione di reati via web riguardano delicati aspetti della libert di espressione". "Per questo, sentiti anche altri esponenti del Governo e della maggioranza e considerata l'opinione espressa dai rappresentanti dell'opposizione, ritengo che sarebbe pi opportuno procedere con un ddl in maniera che, su questa materia, in Parlamento si possa articolare un confronto approfondito tra maggioranza e opposizione. Sar il Consiglio dei ministri nella sua collegialit a stabilire cosa meglio fare".

Come aveva gi detto ieri in aula alla Camera e al Senato, Maroni ha confermato che sull'eventuale oscuramento dei siti che inneggiano alla violenza o fanno apologia di reato, sar il magistrato a decidere. Questo infatti il punto cardine del provvedimento in cantiere. "Intanto - ha riferito ancora il ministro, nel pomeriggio ricevuto al Quirinale - sto pensando a costituire un tavolo di lavoro costituito dai ministeri e dagli organi istituzionali competenti, operatori e gestori della rete telefonica e del web, per cercare di elaborare e adottare un codice di autoregolamentazione per la rete, sulla falsariga di quanto gi fatto nel campo dei messaggi pubblicitari. Resto convinto infatti che la prevenzione sia la strada migliore per evitare la commissione dei reati e per limitare ai soli casi di necessit l'intervento del magistrato".

Per il presidente della Camera Gianfranco Fini, per, non c' ''necessit nella nostra legislazione di norme aggiuntive, c' semmai la necessit della corretta applicazione delle norme esistenti".

Il noto comico e blogger Beppe Grillo avverte Maroni: ''Se la Lega far una battaglia cos perder migliaia e migliaia di voti perch la rete sviluppata proprio nel suo territorio''. ''La Lega - ha aggiunto da Torino, dove si recato per presentare il candidato alla presidenza della Regione Piemonte del 'Movimento 5 stelle' - si d delle mazzate da sola. Maroni ha fatto un discorso per chiudere i siti violenti che io condivido totalmente: credo che la Padania chiuder a breve'', ha concluso.

Il Cdm di domani valuter anche l'opportunit di adottare nuove regole per le manifestazioni di piazza. "Ho ascoltato vari pareri - ha riferito ancora Maroni, escludendo anche in questo caso il ricorso al decreto legge - e mi sono giunti vari contributi anche dagli esponenti del governo. Il ministro La Russa ha suggerito ad esempio di estendere le norme adottate per le manifestazioni pubbliche nel periodo della campagna elettorale. Potrebbe essere una soluzione. Ma un terreno molto controverso e in materia ci sono opinioni molto difformi, sottolineate anche dall'opposizione. Ci rifletteremo insieme domani al Consiglio dei ministri. Mi sembra una materia che va affidata al confronto parlamentare".

Nessuna norma potrebbe invece costringere il premier a rinunciare ai 'bagni di folla'. Maroni ritiene che sarebbe meglio evitare situazioni rischiose ma ''credo che neanche con un decreto legge lo si potrebbe costringere a non fare quello che nella sua natura (di Berlusconi, ndr)".

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa