Per il sequestro la Corte d'Appello del capoluogo lombardo li ha condannati a nove anni

"Mi oscura senza motivo" L'ex imam di Milano Abu Omar contro Facebook

L'ex imam di Milano, Abu Omar L'ex imam di Milano, Abu Omar
ultimo aggiornamento: 20 dicembre, ore 14:39
Il Cairo - (Aki) - Il leader religioso, rapito dagli agenti dei servizi segreti americani nel 2003 a Milano e trasferito in Egitto, lamenta che " la quarta volta" che gli chiudono il profilo tanto che ha dovuto attivarne uno di riserva. E aggiunge:"Dai gestori non ho ricevuto alcuna risposta"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Il Cairo, 20 dic. - (Aki) - I gestori di 'Facebook' hanno oscurato il profilo dell'ex imam di Milano, Hasan Mustafa Ismail, noto come 'Abu Omar', che nel 2003 fu rapito da agenti dei servizi segreti degli Stati Uniti e trasferito in Egitto, suo paese d'origine. A riferirlo ad AKI-ADNKRONOS INTERNATIONAL lo stesso Abu Omar, il quale spiega: "E' la quarta volta che mi chiudono il profilo, ne ho dovuto attivare uno di riserva. Ho scritto all'amministrazione del sito per chiedere spiegazioni, ma non ho ricevuto alcuna risposta". Quanto ai cablogrammi inviati dall'ambasciata Usa a Roma al Dipartimento di Stato a Washington e rivelati da Wikileaks, da cui risultano pressioni degli Stati Uniti sul governo italiano per evitare l'incriminazione degli agenti della Cia coinvolti nel sequestro dell'ex imam, Abu Omar spiega: "Quando ero in carcere, hanno cercato di spingermi a rinunciare a fare causa e mi hanno fatto molte offerte, fino a due milioni di dollari e la cittadinanza americana, affinch smentissi le mie dichiarazioni precedenti, evitando il processo agli agenti, ma io mi sono rifiutato".

Sulla sentenza della Corte d'Appello di Milano, che non ha riconosciuto le attenuanti generiche agli agenti americani, condannandoli fino a nove anni di reclusione, l'ex imam di Milano dice che si tratta di "una vittoria, non solo personale, bens per tutti gli oppressi del mondo, e uno schiaffo in faccia a tutti coloro che pensano che i deboli non abbiano diritto a opporsi alle ingiustizie". Abu Omar ribadisce poi la sua richiesta di risarcimento, alla quale "il tribunale non ha pi fatto alcun riferimento".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa