Web: arriva malatirari.it, info doc sul web per medici e pazienti

ultimo aggiornamento: 26 luglio, ore 14:35

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 26 lug. (Adnkronos Salute) - Informazioni di qualit chiare e comprensibili sulle malattie rare: dai primi sospetti, alla diagnosi, fino alle informazioni sulla prescrizione dei farmaci e sull'assistenza. Il tutto con due percorsi: uno rivolto ai medici, l'altro ai pazienti. Arriva il nuovo sito www.malatirari.it, la versione rinnovata dello spazio web della Federazione italiane malattie rare Uniamo, pensato come un aiuto indispensabile per le persone colpite, i familiari, ma anche il personale sanitario coinvolto nella diagnosi e nella cura di queste patologie. "In particolare dedicato a medici di famiglia e pediatri di libera scelta, che si trovano spesso in prima linea a gestire tutte le necessit dei pazienti, dal sospetto, alla presa in carico dopo la diagnosi", spiega Renza Barbon Galuppi, presidente Uniamo, presentando oggi a Roma il nuovo sito, "gi pronto, ma in attesa dell'ok del ministero delle Politiche sociali, che lo ha finanziato" (e consultabile cliccando www.malattierare.it/nuovosito). Proprio per rispondere alle necessit pratiche e quotidiane di medici e pazienti, il sito stato ripensato e potenziato, in collaborazione con le societ scientifiche (Fimp, Fimmg, Sip, Simg, Sigu e Simgeped) rappresentative dei medici di medicina generale e dei pediatri, e con il Registro delle malattie rare del Veneto. Malatirari.it offre due percorsi: il primo 'disegnato' per i professionisti della salute, come utile strumento di lavoro a partire dalla diagnosi; il secondo a misura delle esigenze, anche quotidiane di cura e assistenza, dei pazienti e dei loro familiari. Un universo vasto, se si considera che secondo le stime in Italia, a fronte di 6000-8000 malattie rare, ci sarebbero 2 milioni di pazienti, "in oltre il 60% dei casi bambini", sottolinea Tiziana Di Giampietro della Fimp (Federazione italiana medici pediatri). Pazienti, ma anche medici "costretti a fare i conti con la disomogeneit dell'offerta di salute nelle varie Regioni. Ecco perch per noi davvero utile lavorare in rete e avere un punto di riferimento immediato", evidenzia Guido Sanna della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale).


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
Web
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa