Web: nasce il nuovo comparatore di servizi Facile.it

ultimo aggiornamento: 14 aprile, ore 13:16

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 14 apr. -(Ign) – L’e-commerce italiano finalmente torna a crescere: a fronte di un valore complessivo di 6,5 miliardi di euro (stime del Politecnico di Milano, Rapporto 2010 Osservatorio e-Commerce B2c) quello dei servizi il comparto che, nell’ultimo anno, cresciuto di oltre il 15%. Nel mondo dei servizi online, a registrare la performance migliore in termini di sviluppo sono sicuramente le assicurazioni, settore che ha vissuto un incremento del 18% grazie all’avvento dei comparatori, strumenti di ricerca che permettono il confronto tra tariffe e contratti diversi. Oggi, complice la crisi economica che ha spinto gli italiani a trovare soluzioni diverse per risparmiare, i comparatori di tariffe sono una realt importante. Destinata per a vivere una nuova rivoluzione: nasce Facile.it, comparatore 'orizzontale' di tariffe RC auto e moto, mutui, prestiti personali, conti correnti e di deposito.

Dal verticale all’orizzontale, quindi: se fino ad oggi gli utenti della rete hanno imparato a conoscere i vantaggi dei comparatori verticali, specializzati, cio, in un solo settore (viaggi, prodotti di largo consumo, hotel), adesso hanno l’opportunit di sfruttare un vero e proprio portale orizzontale, gratuito, di confronto di servizi. "La ricerca della migliore tariffa per vie tradizionali – dichiara Alberto Genovese, amministratore delegato di Facile.it – un processo piuttosto impegnativo in cui spesso l’abitudine porta a rivolgersi sempre allo stesso operatore, a scapito di un effettivo risparmio;Facile.it permette invece di raggiungere il risultato voluto evitando stress e risparmiando somme considerevoli".

Facile.it racchiude in un'unica url la possibilit di sciogliere i dubbi, legati alla scelta dell’offerta migliore nel momento in cui stiamo affrontando alcune delle spese pi importanti della nostra vita (ad esempio la richiesta di un mutuo) o che, comunque, incidono maggiormente sul nostro budget personale (l’assicurazione auto, il conto corrente…).


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di CyberNews
commenta commenta 0    invia    stampa