Bce taglia i tassi. Draghi all'Italia: ''Servono riforme strutturali''

Mario Draghi (Adnkronos)  Mario Draghi (Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 03 novembre, ore 18:08
Roma - (Adnkronos/Ign) - Il tasso fisso di rifinanziamento scende all'1,25% Volano le Borse. E' la prima mossa del nuovo presidente Draghi: ''Governi siano inflessibili, onorino firma sovrana''. E lancia l'allarme crescita: ''Alta incertezza, intensificati i rischi al ribasso della crescita''. G20, al lavoro per salvare l'Europa. Atene nel caos, Papandreou pronto a rinunciare a referendum


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 3 nov. (Adnkronos/Ign) - La Bce abbassa tutti i tassi dello 0,25%. Quello fisso di rifinanziamento scende cos all'1,25%. Il Consiglio direttivo dell'Eurotower, riunito per la prima volta sotto la presidenza di Mario Draghi, ha deciso di intervenire anche sul tasso sui depositi che passa allo 0,50% e su quello marginale, sceso al 2%. L'ultimo intervento risaliva allo scorso 7 luglio, quando il consiglio direttivo della Bce aveva rialzato di 25 punti i tassi portando il tasso di riferimento dall'1,25% all'1,5%.

La mossa di Francoforte, una ''decisione unanime'' ha detto Draghi, fa volare le Borse, gi in corsa sull'ipotesi della fine del governo greco di Papandreou.

I governi dell'area euro "devono mostrare inflessibile determinazione a onorare pienamente la propria firma sovrana'', ha detto il neo presidente della Bce, Mario Draghi nella consueta conferenza stampa al termine del Consiglio direttivo.

Quanto all'Italia, Draghi ha sollecitato il Governo a fare riforme strutturali. Il tasso di rendimento dei titoli di Stato, che in Italia prossimo al 6%, ''non pu calare grazie ad interventi esterni. Il pilastro principale la politica economica che i Governi fanno. Servono riforme strutturali per aumentare competitivit e creare occupazione''. Per il numero uno di Francoforte '' chiaro, come ho detto troppo spesso, che la responsabilit di mantenere la stabilit finanziaria affidata in primis alla politica nazionale. La Bce non pu fare tutto''. Ma Draghi ha anche messo in chiaro che ''nessuno ci costringe'' all'acquisto di bond italiani: ''Siamo indipendenti, facciamo le nostre scelte''.

Poi ha lanciato un allarme sulla crescita. Le prospettive di crescita dell'area euro risentono di ''incertezza particolarmente alta'' e dei ''rischi al ribasso che si stanno intensificando". E le incertezze ''accrescono la probabilit di revisione al ribasso delle stime di crescita del pil per il 2012''.

Per quanto riguarda l'inflazione potrebbe scendere sotto il 2% nel 2012. ''Il tasso di inflazione nella zona euro elevato a causa principalmente dei prezzi energetici e delle materie prime. L'inflazione rester probabilmente sopra 2% nei prossimi mesi prima di scendere sotto il 2% nel corso del 2012'',


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa