L'intervento al XVII Congresso della confederazione

Bonanni: "Siamo vicini al collasso, serve uno 'shock' fiscale positivo"

Il leader della Cisl Raffaele Bonanni   Il leader della Cisl Raffaele Bonanni
ultimo aggiornamento: 12 giugno, ore 19:27
Roma - (Adnkronos/ign) - Il leader della Cisl chiede "un taglio forte delle tasse per rilanciare consumi e investimenti". Ma anche le imprese facciano di pi: "basta con finanza, calcio e tv". Napolitano: "Coniugare diritti e innovazione contro il calo dell'occupazione". Sangalli: ''Aumento Iva benzina sul fuoco''. Fischiato il ministro Zanonato. Gi il potere d'acquisto: persi 3.400 euro a famiglia


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 12 giu. - (Adnkronos/Ign) - La situazione economica " al limite del collasso". Serve uno "shock fiscale positivo, un taglio forte delle tasse per rilanciare consumi e investimenti". E' questo il messaggio che il leader della Cisl, Raffaele Bonanni affida al XVII Congresso della confederazione. E rivolto al governo, in sala da ascoltarlo, snocciola i dati drammatici di 4 anni di grave recessione: "nel 2012 quasi un milione di famiglie hanno vissuto senza alcun reddito, la disoccupazione ha raggiunto cifre agghiaccianti e la cassa integrazione viaggia ormai sopra i cento milioni di ore mensili".

E poi, "gli esodati, i non auto-sufficienti, i precari della pubblica amministrazione, della scuola, e sopratutto i tantissimi giovani senza lavoro", ricorda. Per questo torna a invocare un intervento drastico per "la madre di tutte le battaglie", la "madre di tutti i nostri guai": la questione fiscale. "Bisogna ridurre le tasse sui redditi da lavoro e pensione. Ma anche alle imprese che investono e assumono i giovani e i disoccupati. Dobbiamo farlo subito per dare una spinta forte all'economia ed ai consumi", sollecita, chiamando in causa direttamente il premier, Enrico Letta. A lui e ai partiti che lo sostengono chiede di "introdurre anche un nuovo assegno familiare e il credito di imposta per gli incapienti" e, a copertura del taglio, la "tassazione dei pi grandi patrimoni immobiliari e finanziari oltre alla vendita del patrimonio del demanio pubblico".

Serve, dunque, prosegue Bonanni, una "svolta nella politica economica" perch solo con la crescita diventer governabile il problema del debito pubblico". In Italia "senza un sistema industriale solido, diffuso ed innovativo c' solo il deserto". E nessuno investir da noi "se non affronteremo il problema dei costi troppo alti dell'energia, dei trasporti, delle assicurazioni, dello smaltimento dei rifiuti. Per non parlare poi delle tasse locali e nazionali eccessive, delle infrastrutture bloccate dalle lobbies, della giustizia civile troppo lenta, di una pubblica amministrazione inefficiente, spesso in mano a dirigenti politicizzati e spesso corrotti, e dei territori con alta presenza delle mafie", elenca ancora. Senza parlare dell'effetto Nimby, "il vero problema del paese": "Ci sono troppi silenzi, troppe omissioni, una cultura davvero sbagliata dello scarica barile. I diritti esistono dove ci sono i doveri".

Per fronteggiare le emergenze nel nostro Paese servono, in sostanza, "unit politica, coesione sociale, responsabilit e tregua tra le forze politiche". L'auspicio una nuova stagione di concertazione: ben venga il "decreto del fare" ma basta con le decisioni calate dall'alto senza un confronto sociale, dice Bonanni secondo cui bisogna cominciare dalla riforma del lavoro ribadendo che " inutile cambiare di nuovo le norme per legge". Stop a questo "'bipolarismo' esasperato anche sui temi del lavoro".

Anche le imprese comunque hanno la loro responsabilit: "basta con la testa solo alla finanza, ai monopoli dalle uova d'oro, ai giornali, alle tv, alle squadre di calcio. Investano e puntino a nuove tecnologie", fa osservare.

Bonanni, comunque, d il suo via libera alla maggioranza che governa il Paese ("il nuovo esecutivo di larghe intese l'unica alternativa al 'bipolarismo distruttivo'") ma la tenuta, dice, "dipende solo dalla efficacia della sua azione. Dai risultati che sapr realizzare rispetto al lavoro e alla crescita".

Quanto all'aumento dell'Iva, sottolinea, va bene ad evitarla a condizione che non diventi "una partita di giro a danno dei lavoratori e dei pensionati". Sulle pensioni, invece, secondo Bonanni "va reintrodotta la flessibilit nell'accesso al pensionamento, perch i lavoratori non sono tutti uguali".

Riserve, infine, sul presidenzialismo: "Siamo diffidenti verso soluzioni che poggino esclusivamente sul rapporto diretto tra i massimi vertici istituzionali e l'elettore". Per questo opportuno stare "attenti alle scorciatoie, che non prevedono una soluzione equilibrata e bilanciata dei vari poteri centrali".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa