Crisi, allarme della Bce: "Disoccupazione e debito mettono a rischio la ripresa"

ultimo aggiornamento: 12 luglio, ore 12:09
Roma - (Adnkronos) - La nota della Banca centrale europea: "Nessun miglioramento per il prossimo futuro'' nelle condizioni del mercato del lavoro nell'area dell'euro. Il settore pi colpito sono le costruzioni dove potrebbe pesare l'introduzione dell'Imu. Titoli Stato: Tesoro assegna 7,5 mld Bot, tasso cala a 2,69%


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 12 lug. (Adnkronos) - Sulla ''graduale ripresa'' attesa dalla Bce nell'area euro pesano alcuni fattori ovvero le ''tensioni in alcuni mercati del debito sovrano'' e il ''loro impatto sulle condizioni del credito'', il ''processo di aggiustamento dei bilanci del settore finanziario e non finanziario'' e ''l'elevata disoccupazione''. E' quanto si legge nel bollettino mensile in cui si delinea uno scenario di grande difficolt sopratutto per il mercato del lavoro.

Le indagini della Bce, infatti ''non segnalano miglioramenti per il prossimo futuro'' per quanto attiene le condizioni dei mercati del lavoro nell'area dell'euro. "E nel secondo trimestre 2012 previsto un ulteriore calo". Il settore pi colpito sono le costruzioni dove potrebbe pesare l'introduzione dell'Imu. ''In Francia e Italia, sull'attivit del settore costruzioni potrebbero pesare i provvedimenti tesi al risanamento dei conti pubblici, come l'aumento delle imposte sugli immobili e il graduale rientro delle misure fiscali a favore degli investimenti in immobili residenziali'', si legge.

"I rischi prevalenti per le prospettive economiche continuano a essere "orientati verso il basso e riguardano, in particolare, un ulteriore acuirsi delle tensioni in diversi mercati finanziari dell'area e la loro potenziale propagazione all'economia reale"'', aggiunge la Bce nel bollettino mensile in cui cita tra tali rischi anche possibili ''nuovi rincari dell'energia nel medio periodo''.

”E’ essenziale - continua il rapporto - che le banche seguitino a rafforzare, ove necessario, la propria capacit di tenuta”. Questo perch “la solidit dei bilanci bancari sar un fattore chiave per agevolare sia un’adeguata offerta di credito all’economia, sia la normalizzazione dei canali di finanziamento“.

Per quanto riguarda l'inflazione, invece, “le pressioni sui prezzi dovrebbero restare moderate”, mentre il costo del denaro dell’area euro, al 2,4% a giugno, “dovrebbe scendere ancora nel corso del 2012 per riportarsi sotto il 2% l’anno seguente”. Secondo la Bce, inoltre, anche tenendo conto del taglio dello 0,25% stabilito dal consiglio direttivo il 5 luglio, “i rischi sull’andamento dei prezzi rimangono bilanciati” e i “rischi al ribasso sono connessi all’impatto di una crescita inferiore al previsto dell’area euro”.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa