Ddl lavoro, da Senato seconda fiducia. Fornero: riforma non bacchetta magica

ultimo aggiornamento: 30 maggio, ore 20:10
Roma - (Adnkronos) - I s al primo maxiemendamento sono stati 247, 33 i contrari e un astenuto. Subito dopo iniziata la chiama per il secondo che ha incassato 246 voti a favore. Il ministro: "Nessuna riforma tocca cos in profondit tutta la societ". Poi aggiunge: "Previsto monitoraggio, pronti a cambiarla e affinarla"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 30 mag. - (Adnkronos) -L'aula del Senato ha votato la fiducia al primo maxi emendamento del governo sostitutivo degli articoli fino al 21 del ddl di riforma del lavoro. I s sono stati 247, i contrari 33 e un astenuto. Subito dopo iniziata la chiama per il secondo maxi emendamento, che copre gli articoli dal 22 al 40, e che ha incassato 246 s. I contrari sono stati 34.

Il ministro per i Rapporti con il parlamento, Piero Giarda in mattinata aveva annunciato la presentazione di 4 emendamenti, sostitutivi degli articoli dall'1 al 21, dal 22 al 40, dal 41 al 54, dal 55 al 77. I maxiemendamenti, ha spiegato il ministro, conterranno il testo ''approvato dalla commissione con le sole necessarie modifiche di coordinamento normativo e alcune necessarie divisioni relative alle clausole di natura finanziaria''. Il ddl lavoro ''non una bacchetta magica, che possa risolvere tutti i problemi del Paese''. Cos il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, che intervenuta in aula al Senato, terminata la discussione generale sul ddl lavoro. La riforma, spiega Fornero, ha l'obiettivo di ''rendere possibile un percorso per risolvere alcuni di problemi'', tra cui ''il recupero dell'occupazione, della produttivit e del reddito, che apra la strada a nuove vie di sviluppo''. Il ddl lavoro, aggiunge Fornero, intende ''anche e soprattutto tracciare un percorso di recupero della dignit, attraverso la riappropriazione di un futuro di crescita''.

''Non stata utilizzata l'accetta'', per modificare l'articolo 18. ''Non lo abbiamo distrutto perch un valore''. Il governo, spiega il ministro, ha invece ''limitato il valore'' delle norme ''punitive nei confronti dell'imprese''. In questo modo la ''disciplina sanzionatoria sui licenziamenti illegittimi in linea con gli standard europei''. ''Forse nessuna riforma come quella del mercato del lavoro tocca, in altrettanta profondit, tutta la societ: famiglie, imprese e istituzioni'' che hanno ''interessi contrapposti'', ha poi aggiunto Fornero.

Il ministro sottolinea quindi la necessit di mettere in pratica le norme contenute nel provvedimento, perch approvare la riforma per ''vederla appassire e restare sterile nei risultati, o disattesa nella pratica, non certo nell'interesse del Paese e del governo''. L'esecutivo ha quindi previsto ''un monitoraggio'' che sar effettuato ''con tempismo, competenza, metodo e pragmatismo di chi sa che non vi sono dogmi ma buone pratiche''. Fornero sottolinea quindi che ''bisogna essere pronti a cambiare e affinare'' il provvedimento in corsa.

Sulla sua pagina Facebook il leader dell'Italia dei Valori, Antonio di Pietro ha scritto che "l'approvazione della prima fiducia al Senato sulla modifica dell'articolo 18 la prima coltellata inferta dal governo ai diritti dei lavoratori. La crisi non si risana facendola pagare alle fasce sociali pi deboli e agli onesti cittadini".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa