Voto di fiducia domani notte

Grecia nel caos, dietrofront sul referendum Papandreou apre a governo di larghe intese

(Xinhua)  (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 03 novembre, ore 19:35
Atene - (Adnkronos/Ign) - Dietrofront sull'ipotesi di consultazione sul piano di salvataggio europeo. Il primo ministro si detto pronto a rinunciare, accogliendo il sostegno del partito di opposizione di destra disposto a votare il piano di bailout /VIDEO. Ma sulla proposta di governo di coalizione Samaras lo gela: " Si deve dimettere"


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Atene, 3 nov. (Adnkronos/Ign) - Governo di Atene nel caos per l'ipotesi di referendum sul piano di salvataggio europeo. Alla fine di una giornata convulsa il premier Georges Papandreouha fatto retromarcia sulla proposta di una consultazione popolare sulle misure anticrisi in Grecia. "Ho la responsabilit di trovare le risorse per evitare la bancarotta del Paese", mentre "l'accordo raggiunto a Bruxelles il 26 ottobre fondamentale per il Paese e apre nuovi orizzonti per la Grecia". I sacrifici affrontati dai greci "sono stati duri ma aiuteranno a porre nuove fondamenta per il futuro", ha detto il leader socialista intervenuto nel pomeriggio in Parlamento. "Se non dovessimo approvare l'accordo del 26 ottobre, questo segnerebbe l'uscita dall'euro", ha spiegato il premier ellenico che ha sottolineato come avanzando l'idea del referendum mai si sia voluto mettere in discussione la questione, "ovvia" dell'appartenenza all'eurozona. "Dobbiamo applicare il pacchetto europeo per futuro del paese e dei nostri figli", ha concluso Papandreou dopo 45 minuti di intervento, in cui ha anche ribadito di avere "pi fiducia nei greci che nello status quo politico". /VIDEO

'Anche se non adremo a un referendum, che non mai stato un fine in s, accolgo con favore la posizione del partito dell'opposizione della destra'', aveva detto prima di intervenire in Aula, aprendo la strada a un governo di larghe intese. Papandreu si quindi detto disposto ''a parlare con il leader di Nuova democrazia, Antonis Samaras, per fare progressi sulla base di un nuovo governo''. A tal fine, ha proposto al ministro dei trasporti, Dimitris Reppas, e il suo consigliere, Nikos Athanassakis, di avviare i negoziati. ''Credo che in questo momento storico i partiti politici possano mettersi d'accordo'', ha aggiunto.

Ma a breve giro di posta stato gelato dallo stesso Samaras: Papandreou si comporta come se non avesse capito quello che gli ho detto. Io gli ho chiesto di dimettersi", ha detto il leader di Nuova Democrazia nel suo intervento durante il dibattito in Parlamento sulla fiducia.

L'ipotesi del referendum aveva infiammato la situazione e destato l'ira di Bruxelles. E anche Atene si era divisa: a partire dal ministro delle Finanze, Evangelos Venizelos che si era detto fortemente contrario in quanto l'appartenenza della Grecia all'Euro "una conquista storica del popolo greco che non pu essere rimessa in questione". Un "no" al referendum arrivava anche dal ministro dello Sviluppo, Michalis Chryssohoidis, che ha chiesto una rapida ratifica del piano europeo di riforme concordato con l'Ue da parte del parlamento di Atene, opponendosi cos di fatto al progetto. Critica poi l'opposizione dei conservatori greci, per i quali Papandreou " pericoloso e deve lasciare" l'incarico al governo. "Papandreou ha presentato la Grecia come un paese che mette in dubbio la sua membership all'Ue e alla zona euro" ha affermato Giannis Mihelakis, portavoce di 'Nuova Democrazia'. "Questo problema non si pone, ma Papandreou all'improvviso sta provando a crearlo" ha attaccato il portavoce, sottolineando che "il solo problema che Papandreou osa mettere in dubbio la scelta strategica fondamentale di un paese all'interno dell'Ue".

Il premier chieder comunque la fiducia domani notte in Parlamento. Lo ha detto il portavoce del governo greco, Ilias Mossialos, ribadendo che l'esecutivo disposto a discutere la richiesta avanzata dall'opposizione per la creazione di un governo transitorio per approvare l'ultimo accordo per il salvataggio europeo e garantire quindi il versamento dell'ultima tranche di aiuti.

Secondo la tv pubblica Net, sono due gli onorevoli che non voteranno la fiducia, con l'esecutivo che ha gi perso la sua maggioranza e potrebbe contare solo su 150 voti dei 300 deputati dell'Assemblea.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa