Lavoro, Fornero ai sindacati: senza s niente paccata di miliardi

Il ministro Elsa Fornero (Adnkronos)  Il ministro Elsa Fornero (Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 13 marzo, ore 21:46
Roma - (Adnkronos/Ign) - Il ministro all'indomani dell'incontro con le parti sociali sulla Riforma: ''Mi risulta difficile capire il no dei sindacati''. Poi su copertura finanziaria dei nuovi ammortizzatori: ''Solo con accordo avanzato impegno a trovare risorse''. Camusso: proposta Governo riduce tutele. Bonanni: su mobilit passo indietro o rottura coesione sociale. Bersani: paccata di miliardi? Nessuno li ha visti


condividi questa notizia su Facebook

leggi i commenti    commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 13 mar. (Adnkronos/Ign) - "Mi risulta molto difficile capire che i sindacati non si dichiarino d'accordo su una riforma del lavoro che prevede inclusione e universalit di ammortizzatori sociali. Avrei voluto sentire una piccola parola di apprezzamento ma non ne ho sentita neanche mezza". All'indomani dell'incontro con le parti sociali, il ministro del Lavoro Elsa Fornero sfida i sindacati, che non avevano nascosto la loro delusione sui nuovi ammortizzatori sociali annunciati dal Governo.

Il terreno quello della copertura finanziaria, su cui ieri il Governo non ha fornito cifre. ''E' chiaro che se c' un accordo pi avanzato mi impegno a trovare risorse piu' adeguate e fare in modo che questo meccanismo degli ammortizzatori sociali e questo mercato del lavoro funzionino abbastanza bene". Ma altrettanto chiaro, puntualizza il ministro, che ''se uno comincia con il dire no perch dovremmo mettere l una paccata di miliardi?".

"Non si fa cos", aggiunge rivendicando al suo ministero, e al suo governo, la decisione di finanziare comunque la riforma degli ammortizzatori senza tagliare la spesa sociale. "Mi sono impegnata a che le risorse non vengano tolte dall'assistenza. Mi sembra che sia un buon impegno".

Obiettivo di questa riforma del lavoro, spiega Fornero, ''smantellare le protezioni che si sono costituite, che si sono stratificate profondamente, motivate apparentemente da buonissimi principi ma con implicazioni di conservatorismo molto forti, fino alla difesa di privilegi".

"Il mercato del lavoro deve essere dinamico dove per dinamismo si intende una relativa facilit in entrata e una relativa maggiore facilita' in uscita ma non verso la pensione che con la riforma non e' piu' possibile", spiega a margine di un convegno al ministero degli Esteri. Un mercato del lavoro, dunque, dinamico: "cio che non mette barriere perche' un mercato molto protetto crea segmentazione e bisogna cambiarlo mentre i mercati dinamici funzionano meglio", aggiunge ribadendo per come i lavoratori che usciranno dal mercato del lavoro non saranno lasciati soli.

''Ci sar un buon sistema di ammortizzatori sociali. E di questo stiamo parlando; di una nuova assicurazione sociale per il reimpiego che considera le persone non come disoccupati ma come soggetti che al momento non hanno un lavoro e cerca di aiutarli a rafforzare il proprio capitale umano erogando, nel frattempo, un'indennit che dovrebbe consentirgli di trovare un'altra occupazione".

L'altol del ministro arriva dopo le critiche dei sindacati con il numero uno della Cgil Susanna Camusso che parla di ''passo indietro''. "Il problema non sono le date (i nuovi ammortizzatori entreranno a regime nel 2015 ndr), il merito delle proposte". Secondo la Camusso quella messa sul tavolo luned dal Governo "non ha le caratteristiche di un ammortizzatore universale perch non si includono persone che oggi non hanno accesso all'indennit di disoccupazione, rappresenta invece una riduzione delle tutele rispetto a quelle attuali e quindi da questo punto di vista abbiamo assistito a un passo indietro rispetto alle stesse dichiarazioni che aveva fatto il governo per l'applicazione dei sussidi".

Duro anche il segretario della Cisl Raffaele Bonanni. Se il governo non fa un passo indietro nella trattativa sulla mobilit, "si prende la responsabilit di una rottura sociale nel Paese, che noi non vogliamo". Insomma ''non ci siamo proprio. Una mobilit ridotta per tempo, della met, e cos anche nella parte economica, significa mettere in ginocchio la gente, quella gente - ha sottolineato - che deve andare pi tardi in pensione, che cacciata fuori dalle aziende per delocalizzazioni, per chiusure fallimenti e tutto quello che conosciamo nelle varie parti d'Italia''.

In serata arriva anche il secco ed eloquente commento del segretario del Pd, Pierluigi Bersani. "Non ero al tavolo ma nessuno mi ha detto di aver visto una paccata di miliardi. Forse si sono dimenticati...".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
lavoro
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa   
ugc
ugc