"Il mondo cambiato, decidiamo di competere a livello internazionale"

Marchionne contro i sindacati: "Sciopero per vedere gli Azzurri"

Sergio Marchionne (Adnkronos)  Sergio Marchionne (Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 18 giugno, ore 20:47
Vicenza - (Adnkronos/Ign) - L'ad Fiat: "Basta prenderci per i fondelli. L'unica ragione dello stop di luned stato perch giocava la Nazionale. Senza accordo si ammazza l'industria". Fiom: "Non c' nessuna trattativa e se le proposte rimangono le stesse non firmeremo". Sacconi: "Pomigliano rappresenta molto in termini di metodo". Sciopero a Mirafiori: solidariet con Pomigliano
leggi i commenti    commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Altavilla (Vicenza), 18 giu. - (Adnkronos/Ign) - "Il problema che stiamo cercando di portare avanti un progetto industriale italiano che non ha equivalenti nella storia dell'Europa. Io non conosco in Europa nemmeno un'azienda che stata disposta, ha avuto il coraggio ed capace di spostare la produzione da un paese dell'Est di nuovo in Italia". Cos l'ad del gruppo Fiat, Sergio Marchionne tornato sulla vicenda di Pomigliano, al termine della cerimonia di conferimento del master honoris causa al governatore di Bankitalia, Mario Draghi, da parte della fondazione Cuoa.

Marchionne un fiume in piena: "Qui stiamo facendo discussioni sui giornali, in tv su principi di ideologia che ormai non hanno pi corrispondenza con la realt: parliamo di storie vecchie di 30, 40, 50 anni fa. Parliamo ancora di 'padrone' contro il lavoratore: cose che non esistono pi. Il mondo cambiato e allora o decidiamo di competere veramente a livello internazionale o altrimenti l'Italia non avr un futuro a livello di manifatturiero. Se la vogliamo ammazzare me lo dite: lo facciamo. Io sono disposto a fare quello che vogliono gli altri".

E sull'accordo si dispiace di "tutte queste polemiche" perch "doveva essere fondamentalmente ed estremamente semplice". Della Fiom non contesta la scelta ma, sottolinea, "non mi risconosco come industriale nei discorsi che vengono fatti dalla Fiom: questa non la Fiat che gestiamo noi, non la Fiat che esiste, parliamo di mondi diversi. E' proprio un discorso completamente sballato". E sembra che non ci sia alcun margine di apertura: "Le posizioni sono state prese e sono piuttosto chiare". Quanto al referendum, sottolinea: "Mi aspetto un esito positivo, vedremo cosa succede".

L'ad del gruppo Fiat Sergio Marchionne dice "io sono orgoglioso di essere italiano. E se la Fiat non avesse voluto bene a questo paese non avrebbe mai fatto una mossa simile: 20 miliardi di investimenti, con un raddoppio della produzione e stiamo discutendo di un discorso teorico su un 'affronto' alla Costituzione italiana. Ma stiamo scherzando? Luned scorso lo stabilimento di Termini Imerese andato in sciopero e l'unica ragione era che stava giocando la nazionale italiana. Di pi Marchionne sbotta "cerchiamo di smetterla di prenderci per i fondelli... e come lo fanno a Termini Imerese, l'hanno fatto a Pomigliano e in tutti gli altri stabilimenti italiani. Allora -avverte Marchionne- o facciamo il nostro lavoro seriamente o la Fiat non interessata".

La guerra, quindi, tra Fiom e Fiat resta aperta. ''Non c' nessuna trattativa. E se le proposte rimangono queste la Fiom, che non ha firmato, non firmer", dice Maurizio Landini, segretario della Fiom, precisando sul referendum che ''illegittimo", perch "mette in votazione una violazione della Costituzione e, in secondo luogo, non libero perch impedisce ai lavoratori di dire liberamente s o no''.

Secondo Landini quella della Fiom ''non una posizione estremista'' ma lascia liberi i lavoratori ''non abbiamo dato nessuna indicazione di voto. Non vogliamo che gli operai diventino degli eroi''. Poi uno spiraglio: "Siamo disponibili a trattare, ma occorre che il contratto nazionale di lavoro e le leggi vadano tutelate''.

Sulla questione interviene di nuovo anche il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. ''Pomigliano costituisce un punto di riferimento e rappresenta molto in termini di metodo'', afferma spiegando che di non aver "ipotizzato la riproducibilit di quell'accordo legato a delle anomalie specifiche, ma il metodo va considerato''. Il ministro si detto ''fiducioso sulla valutazione dei lavoratori'', chiamati il 22 giugno prossimo a esprimere la propria idea sul contratto proposto dalla Fiat. '' Sono convinto -conclude- che buoni accordi siano destinati a transitare''.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa   
ugc
Senzio ha scritto (18/06/2010 - ore 23:18) segnala un abuso
ugc
Marchionne continua a fare il gatto coi topolini del sindacato. In questo momento storico rappresenta il bieco e perfido capitalismo ottocentesco. Visto che gli uomini non possono fare nulla che provveda Iddio!
ugc
ugc