Piazza Affari chiude in calo, cede Mediaset. Europee miste

(Infophoto)  (Infophoto)
ultimo aggiornamento: 14 maggio, ore 19:38
Milano - (Adnkronos) - Scambi per 3,26 miliardi di euro di controvalore. Su 325 titoli in negoziazione, 88 hanno chiuso in rialzo, 225 in calo e 12 invariati. Forti vendite su Mediaset sul Ftse Mib


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Milano, 14 mag. (Adnkronos) - Chiusura in leggero calo per piazza Affari, con le consorelle europee in ordine sparso mentre Wall Street prosegue in negativo. Particolarmente negativa la Borsa di Lisbona, in calo di oltre tre punti percentuali. A Milano Ftse Mib 21.184,6 punti (-0,33%), All Share 22.543 punti (-0,43%). Scambi per 3,26 miliardi di euro di controvalore, dai 3,15 di marted. Su 325 titoli in negoziazione, 88 hanno chiuso in rialzo, 225 in calo e 12 invariati. Forti vendite su Mediaset sul Ftse Mib.

In calo anche Amsterdam, con l'Aex a 403,33 punti (-0,33%); a Parigi Cac 4.501 punti (-0,09%); a Francoforte Dax invariato a 9.754 punti. A Bruxelles Bel 20 3.157 punti (+0,04%); a Londra Ftse 6.878,49 punti (+0,08%); a Madrid Ibex 10.614 punti (+0,25%); a Zurigo Smi 8.611,7 punti (+0,8%). Spicca Lisbona, dove l'indice guida Psi 20 ha lasciato sul parterre il 3,35%, a 7.076 punti. A New York intanto il Dow cede lo 0,32% e il Nasdaq lo 0,27%.

 Sul fronte macro - spiega Vincenzo Longo, market strategist di Ig - il mercato non sembra essere rimasto particolarmente scosso dai dati sui prezzi alla produzione di aprile che hanno registrato il pi gran balzo mensile da oltre un anno e mezzo (il maggiore da 4 anni su base annuale). Sebbene questi dati avranno impatto sull'inflazione solo dopo due o tre mesi, non escludiamo che gli investitori possano leggere nelle figure odierne un tentativo di accelerazione dell'inflazione. Il rialzo ha interessato soprattutto il comparto alimentare, sottolineando il fatto che i consumi rimangono sostenuti .

 In Europa - prosegue Longo - gli operatori si sono concentrati sulle parole di Weidmann, presidente della Bundesbank, che ha confermato le indiscrezioni trapelate ieri da alcuni giornali. La Bce pronta ad agire, anche se il numero uno della Buba ha precisato che necessario un rallentamento dell'inflazione e che il tasso di cambio non un target dell'istituto di Francoforte .

 Gli strumenti a disposizione della Bce - osserva lo strategist - rimangono diversi e gi a giugno potremmo assistere, oltre a un taglio dei tassi lungo tutto il corridoio, anche a una operazione non convenzionale. Bruttissima chiusura per l'indice portoghese (-3,35%) appesantito dal comparto bancario. L'ipotesi di nuovi aumenti di capitale sta un pochino pesando sugli investitori. Il sentiment sul comparto governativo dell'Eurozona rimane per positivo, come dimostra la buona accoglienza che ha avuto il nostro Btp a 15 anni (oltre 20 miliardi di euro le richieste) .

Al riferimento Bce l'euro salito a 1,3719 dollari, rispetto a 1,3703 dollari di marted. L'oro al London Bullion Market si attestato al fixing pomeridiano a 1.305,25 dollari l'oncia, rispetto a 1.300,25 dollari della mattina. Il future pi scambiato sul Wti, il greggio americano di riferimento, con consegna a giugno viene scambiato a 102,4 dollari al barile, in rialzo di 70 centesimi rispetto alla chiusura precedente.

In piazza Affari venduti media (-5,58%), chimici (-4,04%), servizi per i consumatori (-2,71%). Acquisti su tlc (+2,74%), auto (+1,24%), cibi e bevande (+1,23%). Lo spread Btp-Bund si attesta a 154 punti, secondo dati Mts, dai 152 della chiusura di marted.

Sul Ftse Mib forti vendite su Mediaset (-6,58% a 3,466 euro), dopo la trimestrale diffusa marted. In lettera Mediolanum (-3,16%) dopo i conti del primo trimestre. Venduti i bancari, in particolare Bper (-3,47%), Banco Popolare (-3,31%), Mediobanca (-3,17%). Poco mossa Intesa SanPaolo (-0,34%), in attesa dei conti del trimestre che verranno approvati gioved.

Generali chiude in lieve rialzo (+0,30%) aspettando la trimestrale che verr comunicata gioved mattina, prima dell'apertura dei mercati. Venduta Yoox (-3,36%). Rimbalza Telecom (+2,79%); acquisti su Ferragamo (+2,15%) e Fiat (+2,07%). Sull'All Share comprata La Doria (+3,33%) dopo la buona trimestrale. Corre Brembo (+5,96%), miglior titolo del listino sulla scia dei conti del trimestre. Vendite su Mediacontech (-12,6%).


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa