Secondo uno studio della Cgia di Mestre

Piccoli negozi e ambulanti, boom di imprese cinesi in Italia: +131% in 7 anni

(Foto Xinhua)  (Foto Xinhua)
ultimo aggiornamento: 03 aprile, ore 11:42
Roma - (Adnkronos) - Hanno quasi raggiunto quota cinquantamila. Al Nord il maggior numero di imprenditori cinesi si trova in Lombardia, al Sud in Campania. In Toscana rappresenta il 17,9% dell'imprenditoria straniera . Il maggior numero di attivit si concentra nel commercio e nel manifatturiero
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 3 apr. (Adnkronos) - E' boom di imprese cinesi in Italia. Ormai hanno quasi raggiunto quota cinquantamila (precisamente 49.854) e le loro attivit si concentrano principalmente in Lombardia, Toscana, Veneto ed Emilia Romagna. Dal 2002 al 2009 la loro presenza, lungo la nostra penisola, cresciuta del 131,1%.

I piccoli negozi di vicinato e gli ambulanti sono i settori dove sono piu' presenti: segue il manifatturiero e in particolare il tessile, l'abbigliamento, la pelletteria e le calzature. E' questo il primo identikit dell'imprenditoria cinese presente in Italia elaborato dall'Ufficio Studi della Cgia di Mestre. ''La Cina - esordisce il segretario della Cgia di Mestre Giuseppe Bortolussi - sempre pi vicina. Ci preoccupiamo, forse, in maniera eccessiva per la concorrenza che ci viene portata dai prodotti provenienti dall'impero celeste, ma rischiamo di sottovalutare la presenza dei loro imprenditori sul nostro territorio che sempre pi massiccia e diffusa. Ormai in alcune zone del Paese alcune filiere produttive o commerciali sono completamente in mano loro. Senza contare - conclude Bortolussi - il ritorno di fenomeni preoccupanti come lo sfruttamento della manodopera e il capolarato che da decenni avevamo praticamente debellato''.

Un'istantanea che diventa davvero dettagliata quando gli esperti dell'associazione artigiani mestrina 'zoomano' sulla cartina del Belpaese. Si scopre infatti che al 31/12/2009 il maggior numero di imprenditori cinesi si trova in Lombardia (10.129); seguono i colleghi che vivono e lavorano in Toscana (9.840) e quelli che hanno scelto il Veneto come regione in cui avviare l'impresa (5.798). Mentre in Emilia Romagna sono 5.035 e in Lazio 4.587.

Al Sud a contare la pi consistente comunit imprenditoriale dagli occhi a mandorla la Campania (2.522 imprenditori), segue la Sicilia (2.077) e la Puglia (1.085). Questa la ''demografia'' raccontata dalla Cgia di Mestre che ha puntato la lente d'ingrandimento anche sulla cronologia del fenomeno imprenditoriale orientale. Dal 2002 al 2009 gli imprenditori cinesi presenti in Italia sono aumentati del 131,1 %. Con punte del 406 % in Calabria, del 390, 9 % in Molise, del 387,5 % in Basilicata e del 380% in Valle d'Aosta.

Nonostante la crisi tra il 2008 e il 2009 la loro presenza aumentata su tutto il territorio nazionale del 7,8% con crescite molto interessanti in Piemonte (+12,2%), in Lombardia (+9,5%) e in Veneto (+8,9%). Altro dato interessante quello che concerne l'incidenza degli imprenditori cinesi sul totale dell'imprenditoria straniera presente in Italia che si attesta, ormai, all'8,3%. In Toscana, per, si arriva al 17,9%, in Veneto al 10,4%, in Emilia Romagna al 9,2% e in Campania all'8,4%.

Infine, fatto 100 il totale degli imprenditori cinesi presenti in Italia, nel 40,3% dei casi si concentrano nel commercio (con 20.102 piccoli imprenditori ) e nel 32,1 % dei casi nel manifatturiero (15.994). Di questi ultimi ben il 94,8% (pari a 15.163 imprenditori) sono occupati nel tessile, nell'abbigliamento, nelle calzature e nella pelletteria. Significativa la presenza anche nel settore alberghiero, bar e ristorazione: le attivit condotte da titolari cinesi hanno raggiunto le 8.776 unit.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Economia
commenta commenta 0    invia    stampa