Narducci (Pd): ok appello Aki, lapidazione barbarie

Appello per Sakineh, fiori dai municipi di Roma.

Il momento del lancio dei fiori dal balcone del IV municipio (Adnkronos)  Il momento del lancio dei fiori dal balcone del IV municipio (Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 03 settembre, ore 19:01
Roma - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Lancio di rose dal balcone del IV municipio della capitale (VIDEO) Aderisce anche Rita Levi Montalcini all'iniziativa 'Fiori e non pietre!' di AKI-Adnkronos International (VIDEO). Il presidente dell'A.S. Roma e il capitano giallorosso partecipano con tutta la squadra. L'appello di AKI a lasciare un fiore davanti alle ambasciate iraniane nel mondo (VIDEO). Ue, la prossima settimana risoluzione degli eurodeputati (VIDEO) Gigantografie di Sakineh in Campidoglio (FOTO) e a piazza Colonna (FOTO - VIDEO). Manifestazione di fronte all'ambasciata iraniana in Italia (FOTO). Le adesioni all'appello
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 3 set. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Raccoglie l'adesione del premio Nobel Rita Levi Montalcini l'appello di AKI-Adnkronos International per salvare Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana condannata alla lapidazione per presunto adulterio dalle autorit di Teheran.

Alla scienziata e senatrice a vita piaciuto molto lo slogan 'Fiori e non pietre!' scelto da AKI per una mobilitazione internazionale finalizzata a fermare la condanna a morte di Sakineh, 43enne e madre di due figli, la cui storia sta scuotendo l'intero pianeta.

L'iniziativa di Aki raccoglie adesioni da parte di tutti gli schieramenti. Con il lancio di rose dal balcone del IV municipio di Roma, in Piazza Sempione, rappresentanti politici italiani con le associazioni dei dissidenti iraniani residenti in Italia, si sono uniti per dire no alla lapidazione. Nel corso dell'iniziativa, promossa dall'eurodeputato del Pdl Roberta Angelilli, che ha consegnato un mazzo di rose rosse ai dissidenti fermandosi a lungo a parlare con loro, una nuova gigantografia di Sakineh stata esposta su un palazzo istituzionale della capitale. E da domani, presso il municipio IV, partir la raccolta di firme per chiedere di salvare la vita a Sakineh. All'iniziativa hanno aderito Sara De Angelis, presidente del II municipio, Cristiano Bonelli, presidente del IV municipio, Jessica De Napoli, vicepresidente della Commissione Pari opportunit del IV municipio. Alla manifestazione hanno partecipato l'associazione rifugiati politici iraniani residenti in Italia, l'associazione donne democratiche iraniane e l'associazione Giovani iraniani residenti in Italia.

"Aderisco all'appello lanciato dall'Agenzia Adnkronos International (AKI) per la salvare la donna iraniana Sakineh Mohammadi Ashtiani dalla lapidazione - ha detto Franco Narducci, deputato Pd e vicepresidente della commissione Affari esteri - e ritengo che vi debba essere una mobilitazione generale della societ civile e dei mezzi di comunicazione tale che il regime iraniano debba fare marcia indietro". La lapidazione, ha rimarcato, '' una barbarie che l'umanit non pu permettere e chiedo che il governo italiano si attivi attraverso tutti i canali diplomatici per impedire questo passo indietro nel cammino della civilt".

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa