Fra le azioni urgenti porre un freno all' ''egoismo che consente alla speculazione di entrare persino nei mercati dei cereali"

Benedetto XVI: "Il pianeta pu sfamare tutti, basta cambiare l'economia"

(Foto Adnkronos)  (Foto Adnkronos)
ultimo aggiornamento: 16 novembre, ore 19:07
Roma (Adnkronos) - Al via a Roma il vertice della Fao. Il Papa: "La fame il segno pi crudele della povert'' (VIDEO). Ban Ki-Moon: "Solo oggi moriranno di fame oltre 17 mila bambini". Napolitano: "Dai Paesi ricchi pi impegno contro la povert". Il debutto di Gheddafi, dopo la festa in villa con 100 ragazze: "I colonizzatori risarciscano i Paesi in via di sviluppo". Fini: ''Diritto all'alimentazione fondamentale''. Il 'debutto' della moglie di Ahmadinejad. Al summit kit antivirus. Piano 'mobilit', tutte le deviazioni degli autobus
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 16 nov. (Adnkronos) - La crisi economica di questi anni ha aggravato in modo consistente il problema della fame a livello globale, e tuttavia il Pianeta avrebbe le risorse per soddisfare le necessit alimentari di tutti i suoi abitanti. Dunque il primo problema quello di un nuovo assetto globale delle istituzioni economiche in grado di affrontare il problema. E' questa l'analisi compiuta oggi da Benedetto XVI sull'attuale crisi alimentare mondiale al vertice della Fao che si sta svolgendo a Roma. ''Infatti - ha ricordato Benedetto XVI - sebbene in alcune regioni permangano bassi livelli di produzione agricola anche a causa di mutamenti climatici, globalmente tale produzione sufficiente per soddisfare sia la domanda attuale, sia quella prevedibile in futuro.

''La fame il segno pi crudele e concreto della povert - ha sottolineato il Pontefice - Non possibile continuare ad accettare opulenza e spreco, quando il dramma della fame assume dimensioni sempre maggiori''. Il diritto all'alimentazione e all'acqua rientrano fra i diritti umani fondamentali, ha poi aggiunto. ''E' necessario, pertanto maturare 'una coscienza solidale, che consideri l'alimentazione e l'accesso all'acqua come diritti universali di tutti gli esseri umani, senza distinzioni ne' discriminazioni'''.

"Se si mira all'eliminazione della fame, l'azione internazionale chiamata non solo a favorire la crescita economica equilibrata e sostenibile e la stabilit politica, ma anche a ricercare nuovi parametri - necessariamente etici e poi giuridici ed economici - in grado di ispirare l'attivit di cooperazione per costruire un rapporto paritario tra Paesi che si trovano in un differente grado di sviluppo''.

Fra le azioni urgenti che bisogna compiere per scongiurare il peggioramento della crisi alimentare mondiale, ha poi sottolineato Benedetto XVI, c' quella di porre un freno all' ''egoismo che consente alla speculazione di entrare persino nei mercati dei cereali, per cui il cibo viene considerato alla stregua di tutte le altre merci''.

In ogni caso fra le cause all'origine della grave crisi alimentare mondiale, c' anche quella di un eccessivo e sconsiderato uso delle risorse ambientali, in questo senso preoccupato il legame fra cambiamenti climatici mondiali e questione alimentare. ''I metodi di produzione alimentare - ha affermato Benedetto XVI - impongono altres un'attenta analisi del rapporto tra lo sviluppo e la tutela ambientale. Il desiderio di possedere e di usare in maniera eccessiva e disordinata le risorse del pianeta la causa prima di ogni degrado dell'ambiente''. ''La tutela ambientale - ha aggiunto - si pone quindi come una sfida attuale per garantire uno sviluppo armonico, rispettoso del disegno della creazione di Dio e dunque in grado di salvaguardare il pianeta".

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa