Caccia all'eroe in Australia. Salva il sub e mette in fuga lo squalo tirandogli la coda

Elyse Frankcom  Elyse Frankcom
ultimo aggiornamento: 31 ottobre, ore 17:58
Perth - (Ign) - La guida turistica Elyse Frankcom stata aggredita dal pesce di 3 metri, che l'ha azzannata ai fianchi pi volte. Una delle persone che nuotavano con lei intervenuto e ha fatto scappare l'animale. Poi ha recuperato la donna e ha chiamato i soccorsi. Media locali impazziti, tutti sono alla ricerca dell'uomo, che rimasto anonimo


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Perth, 31 ott. (Ign) – In Australia caccia all’eroe che ha salvato una giovane sub dall’assalto di uno squalo bianco. La donna, una 19enne guida turistica, stava facendo snorkeling a Rockingham scortata da due delfini assieme ad altre persone quando il pesce, di circa 3 metri, l’ha attaccata azzannandola pi volte ai fianchi e a un’anca. Uno dei componenti del gruppo intervenuto, raggiungendo la donna e afferrando lo squalo per la coda. L’animale, spaventato, fuggito. Poi, l’uomo ha soccorso la ragazza, che nel frattempo aveva perso i sensi e stava raggiungendo il fondale, portandola a riva e chiamando i soccorsi. Elyse Frankcom, questo il nome della guida turistica, stata operata al Royal Perth Hospital e non pi in pericolo di vita, lascer l’ospedale probabilmente gi domani anche se ci vorr molto tempo prima che possa ritornare a nuotare.

I media locali si sono scatenati per scoprire l’identit del soccorritore, che voluto rimanere anonimo. Si solo limitato a commentare l’accaduto con gli altri componenti della gita: “L’unica cosa che mi interessa che la ragazza stia bene” ha detto una volta che tutto si concluso. Il quotidiano on line 'PerthNow' ha chiesto ai suoi lettori di inviare un’email o telefonare in redazione per dare informazioni che permettano di rintracciare il giovane “eroe” cos da premiarlo per il gesto che ha dell'eccezionale.

Qualche giorno fa Elyse aveva scritto sul suo profilo di Facebook che se mai durante la sua attivit fosse stata attaccata da uno squalo, sarebbe “morta facendo quello che ama di pi”. Una frase premonitrice, per fortuna avverata solo a met.

A circa 35 chilometri da dove Elyse stata aggredita, a Port Kennedy, nel 2008 aveva perso la vita il pescatore Brian Guest, ucciso da uno squalo bianco di 5 metri. Tre mesi fa morto dissanguato Nicholas Edwards, attaccato da uno squalo bianco mentre faceva surf a Gracetown, non lontano da Margaret River.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa