Costa d'Avorio, guerra civile. La denuncia della Cri: 800 morti in una sola cittadina

(Xinhua)  (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 02 aprile, ore 17:26
Abidjan, 2 apr. (Adnkronos/Ign) - Infuriano gli scontri tra i sostenitori del presidente Ouattara, vincitore delle ultime elezioni, e quello uscente Gbagbo che rifiuta di abbandonare il potere. Massacro a Duekoue, nell'ovest del paese. Battaglia ad Abidjan. Stranieri in fuga .


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Abidjan, 2 apr. (Adnkronos/Ign) - E' ormai guerra civile in Costa d'Avorio dove da giorni infuriano gli scontri tra i sostenitori di Alassane Ouattara, il vincitore riconosciuto dalle Nazioni Unite delle elezioni dello scorso novembre, e quelli del presidente uscente Laurent Gbagbo, che ha rifiutato di abbandonare il potere dopo la sconfitta elettorale.

Colpi d'artiglieria sono sono stati uditi, secondo le testimonianze, attorno al palazzo presidenziale di Abidjan, la citt al centro della battaglia in corso per il controllo del Paese.

In questa settimana almeno 800 persone sono rimaste uccise in un unico quartiere della cittadina di Duekoue, secondo quanto denunciato dal Comitato internazionale della Croce rossa citato dalla BBC.

Una delegazione della Croce rossa ha visitato Duekoue tra gioved e venerd per raccogliere elementi su quanto era avvenuta per le violenze interetniche. Quanto avvenuto ''particolarmente scioccante per le sue dimensioni e per la brutalit degli assassini'', ha dichiarato il capo della delegazione.

Diversi ma sempre tragici i numeri forniti dall'Onu. La missione delle Nazioni Unite in Costa d'Avorio (Onuci) ha reso noto che 330 persone sono state uccise a Duekoue, nell'ovest del paese, in gran parte dalle forze leali a Ouattara, il presidente della Costa d'Avorio.

La ''situazione umanitaria si sta deteriorando rapidamente", denuncia la Caritas internazionale che chiede ''un'inchiesta per stabilire la verit'' su quanto avvenuto a Duekoue.

Una situazione che sta provocando la fuga degli stranieri. Circa 1400 persone hanno trovato rifugio, gi da gioved sera, nella base francese di Port-Bouet, vicino all'aeroporto della capitale della Costa d'Avorio. Si tratta di francesi, libanesi e di cittadini di altri paesi.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa