Datagate, aereo di Morales bloccato per ore Bolivia: violate convenzioni internazionali

L'aeroporto Sheremetyevo a Mosca dove si trova Snowden (Xinhua)L'aeroporto Sheremetyevo a Mosca dove si trova Snowden (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 03 luglio, ore 12:50
Vienna - (Adnkronos/Ign) - Ora ripartito da Vienna. E' stato costretto ad atterrare dopo che diversi Paesi europei gli hanno negato il permesso di volo per il timore che a bordo con lui viaggiasse la 'talpa' del Datagate. Il presidente boliviano: ''Non sono un criminale''. Bolivia verso s all'asilo. Anomalie nella richiesta all'Italia. Cosa prevede la normativa/SCHEDA


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Vienna, 3 lug. (Adnkronos/Ign) - Il presidente della Bolivia Evo Morales ripartito dall'aeroporto di Vienna dopo essere rimasto bloccato per diverse ore in seguito al no al permesso di volo da parte di diversi Paesi europei per il timore che a bordo con lui viaggiasse Edward Snowden. La misura, messa in atto da Francia, Portogallo, Italia e Spagna, stata revocata alcune ore dopo.

Secondo quanto riferito, dall'aeroporto di Vienna, dal ministro degli Esteri Michael Spindelegger, Morales ha autorizzato la polizia austriaca ad effettuare dei controlli sul suo aereo. Un portavoce del ministero degli Esteri ha detto all'agenzia di stampa dpa che i risultati delle ricerche sono stati condivisi con la Spagna.

Il presidente della Bolivia ha raccontato che l'ambasciatore spagnolo a Vienna andato a trovarlo sull'aereo presidenziale, in un apparente tentativo di verificare se Snowden fosse a bordo. "Io non sono un criminale e non serve ispezionare l'aereo", ha detto Morales.

Il presidente dovuto atterrare ieri sera all'aeroporto di Schwechat, dove ha trascorso la notte. Sia il governo boliviano sia le autorit austriache hanno negato che la 'talpa' che ha rivelato il programma Prism della National Security Agency americana si trovasse sull'aereo presidenziale.

L'ambasciatore della Bolivia in Italia, Antolin Ayaviri Gomez, in una conferenza stampa all'ambasciata di Roma, afferma che "l'atteggiamento" di Francia e Portogallo "costituisce una violazione delle vigenti convenzioni internazionali attentando contro la vita e la sicurezza di un capo di stato, costringendo a un atterraggio di emergenza" in Austria.

''Il governo dello stato plurinazionale della Bolivia - continua - denuncia davanti alla comunit internazionale l'aggressione contro il governo dello stato plurinazionale di Bolivia, specificatamente contro il presidente Evo Morales, per il ritiro a sorpresa dell'autorizzazione di sorvolo e atterraggio" dell'aereo presidenziale.

La Bolivia, ha aggiunto l'ambasciatore, "denuncia davanti alla comunit internazionale un atteggiamento non amichevole e di palese aggressione nel comunicare la non autorizzazione per l'aereo presidenziale di sorvolare gli spazi aerei" di Francia e Portogallo. Il Portogallo, ha proseguito l'ambasciatore, "ha annunciato il ritiro del permesso di sorvolo e di atterraggio modificando successivamente la sua decisione che autorizzava soltanto il sorvolo, impedendo cos l'atterraggio" per il "rifornimento necessario".

A sua volta, ha proseguito l'ambasciatore, la Francia ha comunicato il ritiro del permesso di sorvolo, ha proseguito, quando l'aereo con a bordo "il capo di Stato boliviano si trovava a pochi minuti dall'ingresso nello spazio aereo francese". Tornando da Mosca, ha concluso, l'aereo di Morales ha ricevuto "istruzioni dalla Francia che non poteva attraversare lo spazio aereo francese, violando assolutamente la Convenzione di Vienna".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa