Debito Usa, s all'accordo anche dal Senato. Obama: ''Primo passo, necessarie riforme''

(Xinhua)(Xinhua)
ultimo aggiornamento: 02 agosto, ore 21:44
Washington - (Adnkronos/Ign) - Semaforo verde all'intesa, che prevede un aumento del tetto del debito di 2.400 miliardi di dollari, raggiunta dal presidente e dai leader repubblicani e democratici del Congresso. L'inquilino della Casa Bianca: "Il default avrebbe avuto effetti devastanti" (VIDEO)


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Washington, 2 ago. (Adnkronos/Ign) - Via libera alla legge con cui verr aumentato il tetto del debito Usa.

Dopo la Camera anche il Senato ha infatti approvato, con 74 s e 26 no (14 voti in pi dei 60 necessari), la misura frutto dell'accordo raggiunto dal presidente Barack Obama e i leader repubblicani e democratici del Congresso, che garantisce immediatamente al Tesoro la possibilit di aumentare l'indebitamento. Ora manca soltanto la firma del presidente.

L'accordo approvato " il primo passo, le parti dovranno lavorare ad un accordo pi ampio, non si pu ridurre il deficit solo con i tagli, sono necessarie riforme fiscali affinch i pi ricchi e le corporation paghino la loro parte", ha detto Obama parlando dalla Casa Bianca.

L'intesa, che prevede un aumento del tetto del debito di 2.400 miliardi di dollari, era gi stata approvata alla Camera con una maggioranza di 269 voti (i contrari sono stati 161).

L'accordo sul tetto del debito '' un primo passo importante ma non la fine di un processo per ridurre il deficit a un livello che assicura il rating AAA per gli Stati Uniti nel medio termine'' anche secondo Fitch che chiuder la revisione del rating americano a fine agosto, sottolineando che i fondamentali economici e finanziari del rating AAA degli Usa restano ''solidi''. ''Il debito americano toccher il 100% del pil nel 2012 e salira' ancora nel medio termine in modo non in linea con il mantenimento del AAA. Gli Stati Uniti hanno di fronte scelte difficili con cui confrontarsi'', conclude l'agenzia di rating.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa