Si tratta del pi grave attacco dalla strage di Nassiriya del 12 novembre 2003

Domenica mattina in Italia le salme dei sei par uccisi. Luned funerali solenni

Da sinistra: Antonio Fortunato, Giandomenico Pistonami, Davide Ricchiuto e Matteo Mureddu Da sinistra: Antonio Fortunato, Giandomenico Pistonami, Davide Ricchiuto e Matteo Mureddu
ultimo aggiornamento: 18 settembre, ore 10:52
Kabul - (Adnkronos/Ign) - I militari deceduti sono tutti del 186esimo Reggimento Paracadutisti Folgore. Presi di mira due 'Lince' di scorta ad una colonna di personale diretta all'aeroporto (FOTO - VIDEO 1 - VIDEO 2): il primo blindato stato completamento distrutto e i cinque componenti sono tutti morti, l'altra vittima sul secondo mezzo. I militari uccisi sono 4 caporalmaggiori, Davide Ricchiuto, nato in Svizzera , Giandomenico Pistonami di Orvieto, Matteo Mureddu di Solarussa, Massimiliano Randino di Pagani; il sergente maggiore Roberto Valente di Fuorigrotta e il tenente Antonio Fortunato di Lagonegro. I feriti non sarebbero in pericolo di vita. Secondo le prime ricostruzioni, alle 12 locali due kamikaze a bordo di un veicolo civile, imbottito con una dose massiccia di esplosivo, sono riusciti ad infilarsi tra i mezzi prima di esplodere. Morti anche 10 civili afghani. Berlusconi: ''Il governo vicino alle famiglie delle vittime''. Frattini: ''Abbiamo dato il sangue dei nostri eroi, ora serve una svolta. Entro Natale a casa 500 militari" (VIDEO)
leggi i commenti    commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Kabul, 17 set. (Adnkronos/Ign) - Strage di italiani a Kabul. E' quasi mezzogiorno (le 9.30 in Italia), quando a Kabul si scatena l'inferno. Il convoglio formato da due Vtlm 'Lince' del contingente italiano ''Italfor XX'', mentre sta percorrendo la rotabile dall'aeroporto internazionale di Kaia (International Kabul Airport) al Quartier Generale delle Forze della Coalizione, rimane coinvolto nell'esplosione di una autobomba. Il kamikaze lascia sul terreno sei militari della brigata paracadutisti Folgore. Quattro i feriti, gravi, ma non in pericolo di vita. Amnesty International riferisce che le vittime civili afghane sono almeno 15 e oltre 60 i feriti.

Per provocare una stage di queste dimensioni, riferir poi il ministro della Difesa, Ignazio La Russa alla Camera, i talebani hanno utilizzato almeno 150 chili di esplosivo, specificando che l'auto bomba era presumibilmente una Toyota bianca. Quello compiuto nel quartiere diplomatico di Kabul si rivela il pi grave attentato dai tempi della strage di Nassiriya, che il 12 novembre del 2003 provoco la morte di 19 italiani.

A perdere la vita sono il Tenente Antonio Fortunato, nato a Lagonegro (Potenza), nel 1974, in forza al 186 Reggimento, il Sergente Maggiore Roberto Valente, nato a Napoli nel 1972, in forza al 187 Reggimento, il 1 Caporal Maggiore Matteo Mureddu, Nato ad Oristano nel 1983, in forza al 186 Reggimento, il 1 Caporal Maggiore Giandomenico Pistonami, nato ad Orvieto (Perugia) nel 1983, in forza al 186 Reggimento, il 1 Caporal Maggiore Massimiliano Randino, nato a Pagani (Salerno) nel 1977, in forza al 183 Reggimento, il 1 Caporal Maggiore Davide Ricchiuto, nato a Glarus in Svizzera nel 1983, in forza al 186 Reggimento. Tre dei quattro i militari rimasti feriti in seguito all'attentato sono appartenenti al 186 Reggimento dell'Esercito, l'ultimo ferito effettivo all'Aeronautica Militare.

Le salme, apprende l'ADNKRONOS, saranno trasferite in Italia con un volo che atterrera' a Ciampino nella mattinata di domenica. Sara' un aereo da trasporto C-130J della 46 Brigata dell'Aeronautica militare a riportare in Italia i corpi dei sei paracadutisti della Folgore. Il velivolo decollera' da Kabul nella serata di sabato per effettuare uno scalo tecnico ad Abu Dhabi e proseguire poi alla volta di Roma.

Il terribile attentato viene subito rivendicato dai talebani. L'attacco kamikaze stato compiuto da "un eroe dell'emirato islamico, il mujahid Hayatullah'', viene precisato. Dai primi accertamenti sulla dinamica dell'attentato emerge che il kamikaze si frapposto con la sua vettura carica di esplosivo tra i due blindati 'Lince', per poi far deflagrare l'autobomba. I due mezzi, ha spiegato La Russa, stavano effettuando un trasferimento verso il comando, a circa 200 metri a nord della Piazza Masud, nella zona delle rappresentanze diplomatiche a Kabul.

La Toyota guidata dall'attentatore uscita da un parcheggio per piombare sui mezzi italiani, sui quali si trovavano complessivamente dieci militari. L'esplosione, secondo quanto riferito da La Russa, ha investito pienamente il primo 'Lince' causando la morte di tutti i suoi cinque occupanti, mentre il secondo 'Lince' e' stato colpito in modo piu' lieve ed uno solo degli uomi a bordo e' morto mentre gli altri quattro sono rimasti feriti in modo lieve.

La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo. Il procuratore aggiunto Pietro Saviotti ha delegato ai Ros dei carabinieri gli accertamenti e le indagini sulla strage avvenuta di Kabul.

Le salme dei 6 militari potrebbero rientrare in Italia gi ''domani o dopodomani'', ha fatto sapere il colonnello Benito Milani, comandante del 186esimo reggimento paracadutisti della Folgore di stanza a Siena. Per le sei vittime, “originarie di varie regioni possibile - ha affermato Milani - che venga deciso di fare un funerale unico, di Stato, a Roma”. Intanto, davanti alla caserma 'Bandini' di Siena, che ospita il reggimento, sono decine i mazzi di fiori in onore dei caduti.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa   
ugc
marcus ha scritto (17/09/2009 - ore 21:15) segnala un abuso
ugc
Onore per i nostri militari caduti per difenderci da chi vuole farci abbassare la testa e non essere pi liberi onore per i nostri militari che dovunque vanno portano vita e non la morte onore per i nostri militari non si tirano mai indietro d'avanti al pericolo.
ugc
curioso ha scritto (17/09/2009 - ore 19:12) segnala un abuso
ugc
Sono morti in battaglia, erano dei volontari per esportare la democrazia...onore a Loro. Bisogna dire che tra questi ragazzi combattenti non ce n uno che sia figlio di qualche politico o indistriale...come mai?
ugc
carlomagi ha scritto (17/09/2009 - ore 13:18) segnala un abuso
ugc
E che ora non inizi la farsa politica sulle spalle dei nostri Caduti. Sinistri e loro manutengoli cerchino per una volta di tacere evitando di dire scempiaggini e frasi vuote e codarde.
ugc
biga1 ha scritto (17/09/2009 - ore 13:55) segnala un abuso
ugc
Con il massimo rispetto per quei poveri uomini, il massimo cordoglio alle famiglie , come sempre la classe politica in queste circostanze fa vedere il suo massimo splendore del cinismo . Si mandano persone lontano dalle loro famiglie senza sapere se essi rientreranno vivi o morti con regole di ingaggio veramente ridicole. Questi sono i risultati .
ugc
Splash ha scritto (21/09/2009 - ore 13:20) segnala un abuso
ugc
In Afghanistan non si fa peace-keeping, in Afghanistan ci si difende dalla guerra.
ugc
Splash ha scritto (21/09/2009 - ore 14:26) segnala un abuso
ugc
Ancora di pi adesso "L'obbedienza non pi una virt" (don Milani)
ugc
Splash ha scritto (21/09/2009 - ore 14:21) segnala un abuso
ugc
L'obiezione di coscienza un diritto
ugc
taloscretese ha scritto (21/09/2009 - ore 15:57) segnala un abuso
ugc
Finite le parate e le commemorazioni con bandiere e lustrini c' la dura legge della guerra. Le belle interpretazioni come missione di pace, soccorso ai popoli, democrazia-PERALTRO NON RICHIESTA- vengono al pettine con il duro tributo del sangue. Al di la' delle polemiche di parte non ho ancora capito perch in effetti si paghi denaro e sangue in una terra di cui molti italiani non sanno neppure l'esatta collocazione.
ugc
vince79 ha scritto (22/09/2009 - ore 12:49) segnala un abuso
ugc
Non credo che i politici di oggi abbiano fatto il militare e neanche i figli di imprenditori importanti oppure sono stati messi in reparti di raccomandati. Bossi dice a Natale a casa in 500, La Russa dice la lega sta votando per il proseguimento della missione. Un p di coerenza ci vuole ed evitare discorsi da bambini, non si gioca con la vita e la speranza di militari e dei loro familiari. Comunque una chiara missione per il controllo del territorio e passaggi di petrolio. Oil for death?
ugc
ugc