Francia, l'espulsione dei rom sotto alla lente Ue. Bruxelles al lavoro per un'analisi

(Xinhua)  (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 25 agosto, ore 16:18
Bruxelles - (Adnkronos) - La Commissione europea sta stilando un documento giuridico e politico sui fatti avvenuti nel Paese: "Se da una parte comprendiamo che l'ordine pubblico una competenza interna degli stati membri, dall'altro necessario che sia garantito il rispetto delle regole Ue"
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Bruxelles, 25 ago. (Adnkronos) - La Commissione europea sta lavorando ad un'analisi giuridica e politica sulle espulsioni dei rom compiute in Francia negli scorsi giorni, che verra' presentata la prossima settimana dalla vicepresidente della Commissione e titolare del portafoglio giustizia e cittadinanza Viviane Reding. E' quanto ha annunciato il portavoce della Reding, Matthew Newman. "La commissaria ha seguito i fatti avvenuti in Francia e la settimana scorsa ha chiesto ai suoi servizi di compiere un'analisi legale e politica, e la settimana prossima ne fara' rapporto alla Commissione", ha affermato il portavoce.

Se infatti da una parte l'esecutivo Ue "comprende che l'ordine pubblico e' una competenza interna degli stati membri, dall'altro e' necessario che la Francia garantisca il rispetto delle regole Ue" in materia di libero movimento, ha cosi' spiegato il portavoce la decisione presa dalla Reding, dopo le accuse di immobilismo mosse a Bruxelles da piu' parti sulla questione.

La stessa Parigi, a piu' riprese, ha accusato Bruxelles di non fare abbastanza in termini di politiche Ue per l'integrazione dei rom, lasciando quindi gli stati membri in situazioni difficili che hanno poi l'esplusione come ultima soluzione. Il primo ministro Franois Fillon ha quindi annunciato ieri l'invio di una lettera ufficiale sulla questione al presidente della Commissione Ue Jose' Manuel Barroso, che da protocollo dovrebbe incaricarsi della risposta.

Ma, su richiesta dello stesso Barroso, sara' invece la commissaria Reding a occuparsi della replica alla missiva, che tra l'altro non e' ancora arrivata a Bruxelles. "Abbiamo avuto notizia di questa lettera, ma al momento non l'abbiamo ancora ricevuta. Il presidente Barroso ha comunque deciso che sara' la vice presidente Reding, che si occupa di questo tema da tempo, a rispondere", ha affermato il portavoce, che ha aggiunto che la commissaria alla giustizia e cittadinanza lo scorso aprile aveva presentato una comunicazione proprio sui Rom, cercando di negare cosi' ogni intenzione di 'sgarbo' tra Bruxelles e Parigi.

Ma quella tra Parigi e Bruxelles sembra prendere i contorni di una vera e propria schermaglia, centrata anche sulla questione della riunione informale di alcuni ministri dell'interno Ue che si terra' nella capitale francese il 6 settembre, a cui la Commissione Ue non partecipera'.

"Non siamo stati invitati, non siamo in contatto con le autorita' francesi e non abbiamo copia dell'agenda dell'incontro" a cui prenderanno parte, oltre alla Francia che e' appunto l'organizzatore, Germania, Spagna, Gran Bretagna, Belgio e Italia, ha ribadito il portavoce della Reding. Proprio il ministro Roberto Maroni aveva dato notizia della riunione parigina in un'intervista al "Corriere della sera", lasciando intendere che tra i temi che saranno in discussione ci sara' anche quello della revisione delle politiche Ue in materia di espulsione.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa