Anche da Cina e Russia dichiarazioni per chiedere un'immediata indagine

Iran, Obama: non esclusa opzione militare. Teheran: ispezioni al momento opportuno

ultimo aggiornamento: 26 settembre, ore 16:23
Pittsburgh - (Adnkronos/Ign) - La Repubblica islamica sul secondo impianto: ''Agito nel modo giusto e presto sar in funzione''. Ecco come l'intelligence ha scovato l'impianto di arricchimento dell'uranio. Da centro religioso a nucleare, la parabola di Qom (FOTO). Dal G20 dichiarazione congiunta di Obama, Sarkozy e Brown dopo la lettera consegnata al direttore dell'Aiea, El Baradei. Audio di Bin Laden agli europei: ''Via dall'Afghanistan''
leggi i commenti    commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Pittsburgh, 26 set. (Adnkronos/Ign) - Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, assieme ai leader di Gran Bretagna e Francia, dal G20 a Pittsburgh ha espresso una dura condanna contro l'Iran per aver avviato la costruzione segreta di un secondo impianto per l'arricchimento dell'uranio, come rivelato dall'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (Aiea).

"Ho sempre detto che non escludiamo nessuna opzione quando si tratta degli interessi della sicurezza americana" ha detto il capo della Casa Bianca nella conferenza stampa conclusiva del vertice del G20 ieri sera a Pittsburgh, dopo aver denunciato l'esistenza di un secondo sito nucelare iraniano. "Vorrei anche sottolineare - ha aggiunto - che la mia linea di azione preferita risolvere la questione in maniera diplomatica. Tocca agli iraniani rispondere".

"Penso che l'Iran sia avvertito che, quando c'incontreremo il primo ottobre, devono diventare 'puliti' e devono fare una scelta" ha proseguito Obama, riferendosi al prossimo incontro a Ginevra fra l'Iran e il gruppo del 5+1 (Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania).

Il presidente ha poi evidenziato "la dimostrazione senza precedenti di unita'" che si e' registrata sull'Iran all'Assemblea generale dell'Onu e al G20. "Questo tipo di solidarieta' - ha affermato - non e' scontato. Chiunque abbia seguito la vicenda sarebbe stato stato dubbioso fino a pochi mesi fa sulla possibilita' di una rapida risposta come questa".

Oltre a Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna "anche Cina e Russia hanno diffuso dichiarazioni chiedendo un'immediata indagine dell'Aiea", ha rimarcato Obama. Che infine ha voluto garantire la veridicita' delle accuse contro l'Iran. "Questo e' stato il prodotto di tre agenzie d'intelligence, non una", ha detto riferendosi anche ai servizi francesi e britannici. "Queste agenzie d'intelligence hanno controllato il loro lavoro in maniera accurata. Penso che la risposta che vedete oggi indichi fino a che punto queste prove siano solide e indichino fino a che punto l'Iran stia costruendo un impianto non dichiarato per l'arricchimento dell'uranio, contrariamente alle risoluzioni dell'Onu".

E intanto il responsabile dell'ufficio del leader supremo, Mohammad Mohammadi-Golpayegani, citato dall'agenzia 'Fars' fa sapere che ''entrera' presto in funzione'' il nuovo impianto in costruzione nei pressi della citta' santa di Qom. "Il nuovo sito, a dio piacendo, sara' presto operativo", ha affermato. Dal canto suo, il capo dell'Organizzazione atomica iraniana, Ali Akbar Salehi, ha affermato che vi sara' un'ispezione dell'Aiea nel nuovo impianto, ma non ha indicato una data per l'arrivo degli ispettori dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica. "Considerando gli appropriati rapporti fra l'Iran e l'Aiea - ha detto Salehi alla televisione di Stato - vi sara' un'ispezione del nuovo impianto al momento giusto". E ha concluso: "Siamo molto sorpresi - ha detto - perche' abbiamo agito in maniera legale e nell'ambito dei regolamenti dell'Aiea".

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
non ci sono tag per la questa notizia, prova con la ricerca
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa   
ugc
Hugo_mi ha scritto (26/09/2009 - ore 12:56) segnala un abuso
ugc
Il matto di Tehran ci sta pigliando tutti per il culo. Impensabile che rinsavisca e capisca che sta giocando col fuoco. Due le opzioni possibili: 1) viene spazzato via dal suo popolo (ahim fallita mesi fa) ; 2) opzione militare. E' solo questione di tempo.
ugc
tizsan ha scritto (26/09/2009 - ore 15:56) segnala un abuso
ugc
Se anche il programma nucleare pacifico dell' Iran dovesse riguardare anche il settore militare, vorrei sapere perch tutti gli Stati che circondano quello iraniano (Russia, Pakistan,India, Israele) per non parlare poi di Gran Breatgna, Francia, Stati Uniti e Cina possono possedere armi nucleari che invece all' Iran sono proibite e che , soprattutto uno di essi con la sua ben nota politica brutale, criminale e guerrafondaia, non vede l' ora di buttargliele addosso invocando continuamente, con un cinismo senza precedenti, la guerra preventiva. Fino a prova contraria chi ha avuto la sfacciataggine di minacciare anche le capitali europee con le ogive nucleari che possiede a centinaia, stata la banda sionista e non l' Iran che sono secoli che non fa guerre ad alcuno. Poi qual' l' unico paese al mondo che non si fatto alcun scrupolo nell' usare queste armi terribili massacrando circa 500.000 persone e distruggendo intere citt ? A voi la facile risposta. E' proprio vero che al peggio non c' mai limite. Questi sono come i ladri che dicono agli altri di non rubare.
ugc
Hugo_mi ha scritto (04/10/2009 - ore 22:09) segnala un abuso
ugc
Tizsan, la realt troppo complicata perch tu possa capirla. Il mondo non vive in democrazia e l'ONU una pagliacciata che funziona solo quando tutti sono d'accordo su tempi scontati come quello che bisogna voler bene alla mamma. Tutto il resto, relazioni internazionali comprese, vince e comanda chi pi forte. Hai altre soluzioni realistiche?
ugc
ugc