Nato: situazione fluida

Libia, Gheddafi alla radio: "Nessuna fuga, attendo il martirio tra il mio popolo"

ultimo aggiornamento: 27 settembre, ore 18:01
Tripoli - (Adnkronos/Aki/Ign) - L'ex rais: "Dicono che mi trovi in Venezuela e poi in Niger, ma questi servi non sanno che io sono tra il mio popolo e vivranno giorni che non hanno mai vissuto per la nostra tenacia" (VIDEO). Fossa comune con 1200 corpi scoperta alle porte di Tripoli


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Tripoli, 27 set. - (Adnkronos/Aki/Ign) - "Dicono che Gheddafi si trovi in Venezuela e poi in Niger, ma questi servi non sanno che io sono tra il mio popolo e vivranno giorni che non hanno mai vissuto per la nostra tenacia". Sono queste le parole che il colonnello libico, Muammar Gheddafi, avrebbe pronunciato in un messaggio audio diffuso dalla radio di Bani Walid, citt libica ancora in mano a elementi del passato regime, per dare coraggio alla popolazione da settimane sotto assedio dei ribelli. (VIDEO)

Secondo quanto riferisce la tv libica vicina a Gheddafi 'al-Libiya', che ha mostrato una trascrizione del messaggio audio del colonnello, nel suo discorso l'ex leader di Tripoli avrebbe affermato che "ogni martire libico morto per dire no al colonialismo dei francesi e dei britannici che vogliono il petrolio. Noi invece siamo in attesa del martirio". Il colonnello assicura di essere "ogni giorno in contatto con i capi che combattono nelle zone occupate e presto scatter l'ora zero".

E a conferma che le minacce di Gheddafi sono da prender sul serio la stessa Nato: la situazione in Libia "resta fluida e le minacce alla popolazione civile persistono", per questa ragione il lavoro della Nato "non ancora concluso", ha sottolineato la portavoce dell'Alleanza atlantica, Oana Lungescu, in un briefing a Bruxelles, ribadendo che la Nato "continuer a proteggere i civili e la missione proseguir finch sara necessario,ma terminer al pi presto possibile: siamo determinati a continuare il nostro mandato, ma non un giorno in pi del necessario". Dal fronte militare invece di oggi la notizia, diffusa da Al Jazeera, che prosegue l’avanzata delle forze del Cnt a Sirte. Gli insorti sono entrate nella parte orientale della citt di Sirte, ultima roccaforte insieme a Bani Walid del regime di Gheddafi in Libia.. Violenti combattimenti sono in corso nella zona tra le forze del Cnt e le trib fedeli a Gheddafi. Ieri mattina le milizie del Cnt avevano accettato di sospendere le operazioni militari per permettere ai civili della citt di mettersi in salvo.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa