Allarme per la penuria di medicinali a Misurata

Bombe su Ras Lanuf. Gheddafi jr: ''No alla resa''.

Brega (Xinhua)  Brega (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 10 marzo, ore 19:11
Tripoli - (Adnkronos/Aki/Ign) - Bombardato un check-point gestito da un gruppo di ribelli. La tv di Stato mostra al-Zawiyah riconquistata dalle truppe governative. Eni: ''Tra pochi giorni fermeremo la produzione di petrolio''. Parigi riconosce l'opposizione. Berlusconi: ''E' la posizione di un singolo Paese, sentiremo tutti''. Venerd vertice della Ue a Bruxelles. Inviati in Europa gli emissari del Colonnello


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Tripoli, 10 mar. (Adnkronos/Aki/Ign) - Un altro giorno di guerra in Libia, con l'annucio del figlio del ras Saif Gheddafi: "E' arrivato il momento per un'azione militare in grande scala contro i ribelli" ha detto in un'intervista televisiva trasmessa da 'Skynews' in Gran Bretagna. "E' venuto il momento "dell'azione, della liberazione" ha chiarito, precisando: "Noi non ci arrenderemo mai".

Intanto le forze aeree governative hanno bombardato oggi la citt di Brega, nella Libia orientale. Lo riferiscono testimoni alla 'Bbc', spiegando che il raid "non ha preso di mira l'area residenziale, ma una zona in cui si trova un checkpoint gestito da un gruppo di ribelli". I raid aerei ''sono il nostro pi grande problema - ha aggiunto la fonte - non possiamo proprio farvi fronte, non possiamo controllarli. Abbiamo bisogno di una no-fly zone in modo da poter resistere e muoverci verso Tripoli".

L'aviazione libica tornata a bombardare anche le postazioni degli insorti situate nella citt petrolifera di Ras Lanuf, ad est di Tripoli. Il bilancio provvisorio dell'offensiva di sette feriti. Ras Lanuf un centro strategico perch la roccaforte dei ribelli pi vicina alla capitale. Secondo alcuni media libici, nei raid di mercoled quattro persone sono morte e almeno 24 rimaste ferite.

A Ras Lanuf sono stati sparati anche colpi di mortaio. Lo riferisce l'inviato della 'Cnn', spiegando che i colpi hanno raggiunto un ospedale locale, senza tuttavia fare vittime. "Siamo medici, non abbiamo armi - ha commentato il dottor Fathi dell'ospedale colpito, citato dall'emittente Usa - perch ci prendono di mira?". La tv di Stato libica ha intanto mostrato le immagini di truppe governative che stazionano nella citt di Zawiyah, 50 chilometri ad ovest di Tripoli, riconquistata dall'Esercito dopo duri scontri con gli insorti.

Ed allarme anche per la penuria di medicinali a Misurata, citt libica sotto il controllo degli insorti. A lanciarlo tramite la 'Bbc' un medico di un ospedale locale. Se le ultime scorte disponibili non saranno integrate entro le prossime ore, secondo la fonte, circa 300 pazienti dell'ospedale rischiano la vita.

E da domenica non si hanno pi notizie del giornalista del 'Guardian' Ghaith Abdul-Ahad, che si trova nella parte occidentale della Libia. Ad annunciarlo il quotidiano, precisando che il reporter iracheno si messo in contatto l'ultima volta con il giornale 4 giorni fa tramite unl'altra persona. Si trovava alla periferia della citt di Zawiya, in compagnia di un giornalista brasiliano, Andrei Netto, corrispondente di 'Estado de Sau Paolo', che a sua volta non ha pi dato notizie di s da domenica.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa