New York, sparatoria all'Empire State Building: licenziato uccide un ex collega

ultimo aggiornamento: 24 agosto, ore 20:03
New York - (Adnkronos) - avvenuto alle 9 del mattino ora locale davanti al grattacielo simbolo della citt, tra la 34esima strada e la 5th Avenue. Due i morti tra cui l'assalitore, Jeffrey Johnson di 53 anni. Nove le persone rimaste ferite, una sarebbe in gravi condizioni. L'Fbi conferma che alla base della sparatoria non c' una matrice terroristica


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
New York, 24 ago. (Adnkronos) - Era stato licenziato un anno fa, oggi tornato in ufficio, vicino all'Empire State Building, e ha sparato in faccia a un ex collega di 41 anni, uccidendolo, quindi ha fatto fuoco con una calibro 45 contro la folla. E' accaduto alle 9 di mattina (ora locale), le 15 in Italia, a New York, tra la 5th Avenue e la 34esima strada, davanti al grattacielo, simbolo della Grande Mela. Nove le persone rimaste ferite di cui almeno una in modo grave. Anche l'autore della sparatoria rimasto ucciso.

L'autore della sparatoria non aveva precedenti penali, si chiamava Jeffrey Johnson e aveva 53 anni, hanno riferito il sindaco di New York Miachael Bloomberg e il capo della polizia Ray Kelly. Prima di perdere il lavoro Johnson era impiegato come designer di accessori da donna in una azienda tessile che ha i suoi uffici nei pressi del grattacielo.

Johnson sarebbe stato inseguito poi da un operaio che, dopo aver assistito alla scena, ha avvisato alcuni poliziotti di zona. Quando gli agenti si sono avvicinati all'uomo, Johnson ha aperto il fuoco, costringendoli a loro volta a sparare.

L'Fbi ha escluso che la sparatoria abbia una matrice terroristica.

"New York una delle pi sicure tra le grandi citt americane, ma non siamo immuni dal problema nazionale della violenza da armi da fuoco", ha detto Bloomberg.

La sparatoria di questa mattina l'ultimo di una serie di gravi episodi di violenza verificatisi nell'arco di poche settimane negli Stati Uniti. Il 5 agosto, Wade Michael Page, 40 anni, aveva invece aperto il fuoco contro 6 fedeli all'interno di un tempio sikh di Oak Creek, alla periferia di Milwaukee, nel Wisconsin, per poi spararsi alla testa dopo che la polizia lo aveva colpito allo stomaco. L'uomo era un veterano dell'esercito statunitense e viveva nei pressi del tempio. Secondo quanto riferito dall'Fbi, Page era collegato a piccoli gruppi di suprematisti bianchi e ci fa pensare che la strage sia avvenuta per ragioni di odio razziale.

Nessun movente stato invece ancora individuato per la strage compiuta lo scorso 20 luglio dal 24enne James Holmes. Il giovane, dopo aver fatto irruzione in un cinema di Aurora, alla periferia di Denver, dove era in corso la proiezione della premiere di 'Batman, il ritorno del cavaliere oscuro', ha lanciato nella sala dei candelotti di gas lacrimogeno e ha poi aperto il fuoco contro gli spettatori. Nella strage sono morte 12 persone e altre 58 sono rimaste ferite.

Pochi giorni fa, sempre New York, era stata teatro di un altro episodio di violenza in un altro luogo affollato. A Times Square, il 12 agosto, la polizia ha ucciso fra la folla un uomo che brandiva un coltello. L'uomo, un afroamericano, era stato fermato dagli agenti perch sospettato di fumare marijuana, ma ha reagito minacciando i poliziotti e dandosi alla fuga. Gli agenti, che sostengono di avere tentato di fermarlo anche con l'uso di spray al peperoncino, hanno aperto il fuoco contro di lui, uccidendolo.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa