''Cerca di spaventare l'Occidente usando l'arma del terrorismo''

Oppositore in esilio: ''Istruttori italiani tra le milizie di Gheddafi''

ultimo aggiornamento: 24 febbraio, ore 17:25
Ginevra - (Adnkronos/Aki) - Hasan al-Jahmi, promotore della 'giornata della collera libica' del 17 febbraio, ad Aki: ''Abbiamo ottenuto anche noi da pi fonti notizie sulla presenza di italiani e francesi tra i mercenari''


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Ginevra, 24 feb. (Adnkronos/Aki) - "Abbiamo ottenuto anche noi da pi fonti notizie sulla presenza di italiani e francesi tra le milizie di mercenari che combattono al soldo di Muammar Gheddafi contro i manifestanti in Libia". E' quanto rivela Hasan al-Jahmi, oppositore libico in esilio e promotore della 'giornata della collera libica' del 17 febbraio che ha dato il via alla rivolta nel paese arabo, dal suo ufficio di Ginevra, in Svizzera. In un colloquio con AKI - ADNKRONOS INTERNATIONAL, ha confermato la notizia diffusa questa mattina dal sito libico 'al-Manar', che parlava della presenza di italiani tra i mercenari che questa mattina hanno attaccato la citt di al-Zawiyah, 40 chilometri a ovest di Tripoli.

"Sappiamo che si tratta di istruttori esperti nella guerriglia - spiega - che servono per addestrare i mercenari africani reclutati da Gheddafi". Il dissidente libico lancia un appello al governo italiano affinch "ritiri il suo sostegno al regime di Gheddafi" e chiede anche che "tutti i governi che hanno inviato armi e mercenari in Libia si fermino". In base alle sue informazioni "in queste ore le citt libiche in mano ai manifestanti sono controllate dall'esercito libico che si ribellato a Gheddafi".

A proposito del colloquio telefonico avuto oggi da Gheddafi con la tv di stato libica, anche al-Jahmi, come altri oppositori, dubita ''che si tratti davvero della sua voce'', ma comunque, commenta, "continua a giocare con le parole. Cerca di spaventare l'occidente usando l'arma del terrorismo, ma le citt cadute in mano ai manifestanti sono gestite dall'esercito libico, dai magistrati e dagli avvocati e non da al-Qaeda".

Al-Jahmi, che originario di Bengasi dove vive la sua famiglia, non teme che la Libia possa dividersi tra Cirenaica, controllata dai manifestanti, e Tripolitania, in mano a Gheddafi. "Noi vogliamo che il paese sia unito - ha concluso - con Tripoli capitale. E' quanto ribadito ieri anche dai giovani di Bengasi che scandivano slogan in favore di Tripoli capitale".


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa