Pakistan, cristiani accusati di blasfemia: incendiate un centinaio di case a Lahore

(Xinhua)  (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 09 marzo, ore 14:42
Islamabad - (Adnkronos) - Le accuse di un gruppo di estremisti islamici. Una fonte della polizia spiega: "Ingiustamente accusato un uomo, ma l'abbiamo comunque fermato per placare la protesta". ll governo locale cercher di riparare ai danni subiti dalle famiglie colpite


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Islamabad, 9 mar. - (Adnkronos) - Sono un centinaio le abitazioni dei cristiani date alle fiamme a Lahore, in Pakistan, da estremisti islamici, che accusano i residenti di blasfemia. Lo riporta il sito di DawnNews, spiegando che l'attacco stato sferrato nella Joseph Colony in seguito alle accuse di blasfemia rivolte contro un uomo, attualmente in carcere. In base alle informazioni di Dawn, che cita una fonte della polizia, l'uomo sarebbe stato ingiustamente accusato di blasfemia, ma la polizia avrebbe comunque deciso il fermo per placare la protesta.

Il ministro del Punjab Rana Sanaullah ha confermato che il cittadino cristiano si trova agli arresti e ha promesso che tutte le persone coinvolte nell'incendio saranno arrestate. Il governo locale cercher di riparare ai danni subiti dalle famiglie cristiane colpite, ha aggiunto.

La blasfemia un reato che pu essere punito con l'ergastolo o la pena di morte in Pakistan, dove il 97 per cento dei 180 milioni di abitanti di fede musulmana.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa