La scoperta stamattina alle 7

Parigi, rubati quadri di Picasso, Modigliani e Matisse. Fuori uso l'allarme del museo

Amedeo Modigliani, 'Donna con il ventaglio'Amedeo Modigliani, 'Donna con il ventaglio'
ultimo aggiornamento: 20 maggio, ore 19:46
Parigi - (Adnkronos) - Dal museo nazionale di Arte Modernasono state sottratte in tutto cinque tele di grandi maestri: 'Le pigeon aux petits pois' di Picasso, 'La pastorale' di Henri Matisse, 'L'olivier prs de l'Estaque' di Braque, 'La donna con ventaglio' di Modigliani e 'Nature morte aux chandeliers' de Lger. In totale il valore del furto stato di 100 milioni di euro (FOTO). Una persona si introdotta da una finestra. Dal furto della 'Gioconda' all''Urlo di Munch', i colpi celebri del XX secolo (VIDEO)
commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Parigi, 20 mag. (Adnkronos) - Cinque tele di grandi maestri, un Picasso, un Matisse, un Braque, un Modigliani e un Fernand Lger sono state rubate dal museo nazionale di Arte Moderna a Parigi per un valore complessivo di "poco meno di 100 milioni di euro". A rivedere la stima di 500 milioni di euro di valore complessivo delle tele, avanzata in un primo momento dagli inquirenti, stato Christophe Girard, vice assessore alla Cultura del comune di Parigi.

Il furto con scasso nel museo situato nel XVI arrondissement della capitale francese stato scoperto intorno alle ore 7 di questa mattina. In un video registrato dalle telecamere di sorveglianza del museo risulta che una persona si introdotta nell'edificio da una finestra. Lo riferiscono i media francesi.

In particolare il quotidiano 'Le Parisien', citando fonti interne del museo, rivela come i guardiani non potevano essere allertati perch il sistema di allarme fuori uso da due mesi. Il guasto "era stato segnalato nel registro del personale", ha detto la fonte, e i responsabili avvertiti. "Bisogner capire -ha aggiunto- perch non stato fatto niente in due mesi".

I dipinti spariti sono 'Le pigeon aux petits pois' di Pablo Picasso, 'La pastorale' di Henri Matisse, 'L'olivier prs de l'Estaque' di Georges Braque, 'La donna con ventaglio' di Amedeo Modigliani e 'Nature morte aux chandeliers' de Fernand Le'ger.

I furti di quadri di grandi maestri avvengono regolarmente, sottolineano i media francesi, ricordando che nel dicembre scorso era stato rubato un Degas dal Museo Cantini di Marsiglia, mentre a gennaio avevano preso il volo, da una proprieta' di La Cadie're d'Azur nella regione di Var, una trentina di opere, tra le quali anche un Picasso.

Chiederanno un riscatto - ha detto il critico d'arte Vittorio Sgarbi -. Piazzare o vendere queste opere impossibile". "Colpisce il fatto che questo furto sia avvenuto a Parigi, con tutte le tutele e l’attenzione che hanno. In parte una consolazione per l’Italia, dove i furti d’arte sono molto pi facili, al contempo un segnale preoccupante sulla capacit criminale di questi ladri e sui rischi dell’esposizione del patrimonio artistico, rischi che fino a ieri erano imprevedibili" conclude Sgarbi.

Un 'laudatore' del buon gusto, un sociopatico amante del bello con altissime possibilit economico-finanziarie. E' questo l'identikit di chi spesso si cela dietro un clamoroso furto di opere d'arte, come quello messo a segno oggi a Parigi. A tracciarlo all'ADNKRONOS il criminologo Carmelo Lavorino. "Un colpo del genere quasi sempre commissionato da qualcuno con una certa fissazione per determinati capolavori - ha detto- una persona con altissime possibilit finanziarie, amante del bello, comunque un sociopatico buonista che non ama l'uso della violenza, un laudatore del buon gusto". "Si tratta quasi sempre spiega di qualcuno che canalizza la sua aggressivit, la sua voglia di dominare - ha spiegato ancora Lavorino - la sua tendenza a manipolare il denaro e gli altri tramite l'acquisizione fraudolenta e l'ammirare delle opere d'arte. E' un soggetto narcisista, megalomane, che non ammette di essere contradetto che ha dei grossi contatti con alta finanza e attorno al quale ruota una miriade soggetti ancillari". Secondo Lavorino un soggetto del genere si serve di gruppi persone ben organizzate, in grado di progettare il furto in ogni dettaglio, ''servendosidi strumenti anche sofisticati e di talpe e di studiare e scoprire i punti deboli del sistema di sorveglianza e di allarme''.

pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa