E' controffensiva

Pugno duro del ras su Ajdabiya e Brega. Caccia in azione: morti

AjdabiyaAjdabiya
ultimo aggiornamento: 02 marzo, ore 19:07
Tripoli - (Adnkronos) - I caccia dell'aviazione fedele al colonnello hanno colpito alcuni punti della citt cirenaica. I ribelli riconquistano Brega e il suo aeroporto dopo una battaglia al centro tra le milizie del regime e i manifestanti. Gheddafi ai cittadini di Bengasi: "Cessate la rivolta altrimenti rimarrete senza cibo". Il Tribunale penale internazionale apre un'inchiesta su possibili crimini contro umanit


condividi questa notizia su Facebook

leggi i commenti    commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Tripoli, 2 mar. - (Adnkronos/Aki) - In Libia si combatte ancora e le forze fedeli a Muammar Gheddafi lanciano una controffensiva. Caccia militari dell'aviazione libica questa mattina hanno bombardato alcune zone della citt di Ajdabiya, in Cirenaica, il cui centro controllato dai rivoltosi. Bombordata anche Brega, altra citt della Cirenaica con 4 morti e 10 feriti secondo un primo bilancio annunciato dalla tv araba 'al-Jazeera'.

Vilenta battaglia poi al centro della citt portuale: le milizie fedeli al leader libico sono entrate a Brega sparando all'impazzata e prendendo temporaneamente il controllo della zona caduta nei giorni scorsi nelle mani dei manifestanti. Dopo un intenso scontro i rivoltosi libici avrebbero riconquistato il centro della citt. Secondo la tv satellitare 'al-Arabiya durante il conflitto almeno 14 persone sarebbero morte. Parlando all'emittente araba l'ex ministro dell'Interno libico, Abdel Fattah Yunis, ha poi annunciato che anche l'aeroporto di Brega stato riconquistato dai ribelli.

La citt pur essendo piccola sede di un importante terminal petrolifero con una produzione pari a circa 60mila barili al giorno. E tutta la zona comunque considerata di grossa importanza dal punto di vista strategico perch la sua conquista aprirebbe le porte della parte orientale della Libia alle truppe di Gheddafi.

Oggi il Colonello nel corso del suo discorso fiume ai suoi sostenitori ha detto rivolgendosi ai cittadini di Bengasi: "Cessate la rivolta e disarmate i gruppi armati altrimenti rimarrete senza cibo, senza ospedali, senza servizi e la popolazione non potr pi vivere".

A Bengasi, riferisce Anne Chatelain, coordinatore medico di Medici senza frontiere (Msf) in Libia, "ci sono stati almeno 2.000 feriti negli scontri" anche se non possibile "quantificare con esattezza il numero delle vittime". Nella citt, ha poi aggiunto, "la situazione sembra normalizzata: la gente lavora, si muove e c' cibo nei negozi. La sera le persone si riuniscono e suonano il clacson per mostrare la loro gioia".

Sul fronte politico interno, Gheddafi ha nominato due nuovi ministri, dopo che nei giorni scorsi i titolari del dicastero dell'Interno e della Giustizia si sono dimessi dai rispettivi incarichi, cos ha riferito la tv di Stato libica.

Alla guida del dicastero dell'Interno Masoud Abdel Hafiz sostituisce Abdel Fattah Younes al Abidi e al ministero della Giustizia, al posto di Mustafa Mohamed Abdel Jalil, arriva Mohamed Amhamad al-Qamoudy. Inoltre, a Mohamed Aqri Al-Mahgouby e' stato affidato l'incarico di procuratore generale, dopo le dimissioni di Abdul-Rahman al-Abbar.

Intanto, il Tribunale penale internazionale (Tpi) aprir un'inchiesta formale su possibili crimini contro l'umanit commessi dalla Libia. Lo ha annunciato il procuratore capo Luis Moreno-Ocampo con una dichiarazione diffusa dal suo ufficio dell'Aja.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa   
ugc
flora69 ha scritto (02/03/2011 - ore 09:40) segnala un abuso
ugc
Io mi domando e dico.......quale intervento comunitario di soccorso alla popolazione......se ancora si spara a destra e sinistra, se ancora Gheddafi ancora al potere....... Oddio, un piccolo suggerimento ce l'avrei, potremmo mandare i nostri politici........
ugc
conietta ha scritto (02/03/2011 - ore 10:03) segnala un abuso
ugc
invece io mi chiedo perch Tunisia ed Egitto nn fanno rientrare le migliaia di loro cittadini che scappano dalla Libia in queste condizioni e li lasciano ammassati ai confini????????????mah....anzich mostrare le loro immagini ammassati ai confini dei rispettivi paesi la comunit internazionale dovrebbe esigere che aprissero e si riprendessero i loro concittadini...altroch
ugc
ugc