Raid Nato distrugge residenza di Gheddafi

(Xinhua)  (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 25 aprile, ore 16:49
Tripoli - (Adnkronos/Ign) - Nel mirino il complesso di Bab al-Aziziyah a Tripoli. Al momento non chiaro dove si trovi il Colonnello. Il figlio Seif-al-Islam, stato un attacco "vile". Tv di Stato libica: vittime civili. A Misurata attacco delle truppe del ras, almeno 30 morti. Quattro vittime a Zintan. Save the Children: abusi sui bambini. Rilasciato il rimorchiatore Asso 22


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Tripoli, 25 apr. (Adnkronos/Ign) - Un raid aereo della Nato su Tripoli ha bombardato nella notte il complesso di Bab al-Aziziyah, residenza e caserma di Muammar Gheddafi. Raso al suolo un edificio e danneggiato una sala in cui il Colonnello teneva le sue riunioni. Nel corso bombardamenti, iniziati subito dopo la mezzanotte, si sono anche interrotte per circa mezz'ora le trasmissioni di tre emittenti libiche.

Per l'ufficio stampa governativo si tratta di un attentato alla vita del Colonnello. Almeno 45 persone sarebbero rimaste ferite, 15 delle quali in modo grave, mentre altre risulterebbero disperse. I giornalisti stranieri sono stati accompagnati davanti all'edificio distrutto quando ancora i vigili del fuoco erano impegnati a domare le fiamme.

Per il figlio di Gheddafi, Seif-al-Islam, stato un attacco "vile". E la missione che la Nato sta conducendo il Libia a capo della Coalizione internazionale solo ''una battaglia persa'' e i raid compiuti contro gli obiettivi di Tripoli, come quello odierno che ha colpito il bunker di Gheddafi, ''spaventano solo i bambini''. ''Voi, della Nato, state conducendo una battaglia perdente perch siete sostenuti da traditori e da spie'', ha detto Seif al-Islam Gheddafi citato dall'agenzia di stampa ufficiale Jana. ''La storia ha dimostrato che nessuno Stato pu contare su di loro per vincere'', ha aggiunto. Il governo libico non si far intimidire da simili attacchi, ha aggiunto, specificando che ''le bombe che hanno colpito l'ufficio di Muammar Gheddafi oggi spaventano solo i bambini. E' impossibile che ci facciano paura o che ci inducano ad alzare bandiera bianca''.

La tv di Stato libica ha confermato dal canto suo il raid della Nato, aggiungendo che nel mirino dell'Alleanza Atlantica ci sono obiettivi civili, oltre che militari. Inoltre, l'emittente parla di vittime civili e militari derivanti dall'attacco contro il quartier generale del Colonnello. Un banner diffuso sullo schermo dalla tv di Tripoli cita una fonte dell'esercito che parla di ''raid aerei crociati'' che hanno colpito obiettivi civili e militari, causando vittime e danni. Al momento non chiaro dove si trovi il Colonnello Gheddafi.

Intanto, le forze governative libiche hanno ripreso a bombardare con missili il porto di Misurata, in contrasto con quanto annunciato sabato riguardo a un ritiro delle forze libiche dalla citt assediata. Il bilancio dell'attacco di almeno 30 morti e di 60 feriti. ''E' in corso un bombardamento molto intenso e casuale sulle zone abitate - spiega Ahmed al-Qadi, un ingegnere che attualmente lavora presso la stazione radiofonica di Misurata come dissidente - I corpi bruciati sono stati portati nell'ospedale''. Il rappresentante della radio che d voce agli insorti, che sabato avevano rivendicato di aver conquistato Misurata, aggiunge che ''il numero dei feriti 60 e ci sono 30 martiri. Questo il bilancio delle ultime 12 ore''.

Le truppe di Gheddafi hanno inoltre circondato diverse citt nell'ovest della Libia, e in particolare nell'area montagnosa di Jabal Al-Gharbi, dove sono attualmente in corso pesanti scontri con la milizia berbera. E' di almeno quattro morti il bilancio dell'attacco contro Zintan, nell'ovest della Libia, dove sono stati lanciati razzi Grad. Lo denunciano gli stessi abitanti precisando che quattro persone sono morte e altre nove sono rimaste ferite, di cui due in condizioni gravi, quando nella tarda serata di ieri le truppe del governo hanno aperto il fuoco e lanciato nove missili Grad sulle case. Secondo quanto riferisce un medico tunisino, una bambina di quattro anno con una pallottola in testa e un uomo ferito allo stomaco e a una gamba sono stati trasportati negli ospedali vicino al confine con la Tunisia.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa