Risarcimenti per 24 migranti che hanno fatto ricorso

Respingimenti in Libia, Italia condannata.

(Sito Marina Militare)  (Sito Marina Militare)
ultimo aggiornamento: 23 febbraio, ore 19:24
Strasburgo - (Adnkronos) - Sentenza della Corte europea dei diritti umani di Strasburgo per i respingimenti degli immigrati: violato l'articolo 3 della Convenzione europea per i diritti dell'uomo "che proibisce trattamenti inumani e degradanti" (VIDEO). Il ministero degli Esteri: "Trattamento conforme agli obblighi internazionali''. Monti: ''Dal governo massima attenzione''. Maroni: ''Picconata al sistema di sicurezza''


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Strasburgo, 23 feb. (Adnkronos) - La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha condannato l'Italia per i respingimenti verso la Libia, precisando che "riportando gli i migranti in Libia senza esaminare i loro casi li ha esposti al rischio di maltrattamenti ed equivalso ad una espulsione collettiva". La Corte ha quindi accolto il ricorso di 11 somali e 13 eritrei, il cosidetto caso Hirsi Jamaa ed altri, che erano stati respinti nel 2009.

Stando a quanto si legge nel comunicato stampa della Corte, la "Grand Chamber" ha convenuto all'unanimit che vi sono state "due violazioni dell'articolo 3" della Convenzione europea per i diritti dell'uomo "che proibisce trattamenti inumani e degradanti, perch i ricorrenti sono stati esposti al rischio di maltrattamenti in Libia e di rimpatrio in Somalia ed Eritrea".

Inoltre stata riscontrata una "violazione dell'articolo 4 del protocollo 4" che si riferisce al divieto delle esplusioni collettive.

I 17 giudici della Corte di Strasburgo hanno inoltre stabilito che, per le violazioni indicate, l'Italia dovr pagare a ciascuno dei 24 migranti che hanno presentato ricorso, un risarcimento di 15mila euro pi le spese legali.

Hirsi Jamaa e gli altri 23 migranti che hanno fatto ricorso alla Corte europea dei diritti dell'uomo, facevano parte di un gruppo di 200 persone che nel 2009 erano partite dalla Libia a bordo di tre imbarcazioni. Intercettati dalla Guardia Costiera italiana il 6 maggio nell'area di responsabilit di Malta - secondo la ricostruzione del comunicato della Corte di Strasburgo- erano stati poi trasferiti su navi militari italiane e riportati a Tripoli dove furono consegnati alle autorit dell'allora regime di Muammar Gheddafi.

"I ricorrenti hanno detto che durante il viaggio le autorit italiane non hanno detto loro dove stavano andando n controllato le loro identit", afferma ancora la Corte che ricorda come l'allora ministro dell'Interno, Roberto Maroni, il 7 maggio disse che il respingimento era "in accordo con gli accordi bilaterali con la Libia entrati in vigore il 4 febbraio 2009". Accordi, sottolinea ancora la nota, che sono stati sospesi il 26 febbraio 2011 dopo lo scoppio della rivoluzione in Libia.

"In base alle informazioni fornite alla Corte dai legali dei ricorrenti - conclude il comunicato della Corte - due di loro sono morti in circostanze non note, mentre tra giugno e ottobre 2009 ad altri 14 stato concesso lo status di rifugiato dall'ufficio dell'Alto commissariato per i rifiugiati (Unhcr) di Tripoli".

Ma dopo la rivoluzione i legali hanno perso i contatti con gran parte dei ricorrenti ed al momento hanno informazioni solo riguardo a sei di loro. Quattro vivono in Benin, Malta e Svizzera, uno di trova in un campo profughi in Tunisia e spera di poter tornare in Italia. Ed uno lo scorso giugno arrivato da clandestino in Italia ed ha ottenuto lo status di rifugiato.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa