E' stato trovato a Xultun, in Guatemala

Scoperto il calendario Maya pi antico, nessuna fine del mondo nel dicembre 2012

Universo  Universo
ultimo aggiornamento: 11 maggio, ore 13:53
New York - (Adnkronos/WashingtonPost) - Risale a 1200 anni fa e si estende per oltre 7.000 anni superando di gran lunga la fatidica data. A riportarlo alla luce il team di archeologi dell'Universit di Boston


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
New York, 11 mag. (Adnkronos/WashingtonPost) - Non sar il 21 dicembre 2012 l'ultimo giorno della Terra, almeno secondo il team di archeologi dell'Universit di Boston, che ha portato alla luce il pi antico calendario Maya mai ritrovato finora, risalente a 1200 anni fa. La scoperta 'anticipa' di quattro secoli gli almanacchi ritenuti la principale fonte delle previsioni su un'annunciata e prossima fine del mondo e conferma le teorie di una parte degli esperti, secondo i quali anche se il calendario Maya si fosse concluso col 2012, l'antico popolo centroamericano avrebbe ricominciato il conteggio dei giorni in un nuovo almanacco. "E' come riavviare il contachilomentri dell'automobile", ha spiegato l'archeologo Anthony Aveni dell'Universit Colgate di New York.

L'antico calendario stato rinvenuto a Xultun, in Guatemala. Il team di ricerca che fa capo al professor William Saturno ha scoperto, dentro un antico edificio Maya, alcune scritte murali che riportano riferimenti temporali calcolati con l'osservazione delle fasi lunari e dei movimenti di Marte, Venere e Mercurio grazie alle quali possibile conteggiare migliaia di anni sia nel passato che nel futuro. Il calendario di Xultun si estende per oltre 7.000 anni, superando di gran lunga il 21 dicembre 2012, la data della presunta fine del mondo.

Per completare gli scavi "sono necessari almeno altri vent'anni, e sono certo che fino ad allora il mondo esister ancora", ha commentato Saturno. I risultati delle ultime scoperte archeologiche saranno pubblicate dal numero di giugno della rivista National Geographic e di Science.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa