Un anno fa l'addio a Jobs, ma il mondo non ha ancora deciso come giudicarlo

(Xinhua)  (Xinhua)
ultimo aggiornamento: 03 ottobre, ore 15:56
Roma - (Adnkronos) - Con l'iPod e l'iPhone l'azienda di Cupertino riuscita a diventare brand di massa, quanto e pi della Coca Cola. l suoi introiti nel 2011 hanno superato il pil di Massachusetts, Michigan e New Jersey insieme


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Roma, 3 ott. (Adnkronos) - Guru del mondo globalizzato e icona della creativit contemporanea o solo massima espressione del capitale che non produce pi posti di lavoro per la classe media. O forse tutte e due insieme. A un anno dalla scomparsa di Steve Jobs il mondo non ha ancora deciso come giudicare il fondatore della Apple, l'inventore di oggetti la cui introduzione sul mercato ha imposto nuove tendenze e mode in tutto il mondo e muove capitali in grado di incidere sul prodotto interno lordo di Paesi come gli Stati Uniti.

Per anni, dai primi anni ottanta, i prodotti della Apple, in testa il Macintosh, sono stati il necessario attrezzo e status symbol di chi usava il computer per attivit pi creative di chi si accontentava di un Pc, di chi era disposto a spendere di pi per acquistare ed esibire un oggetto con un design innovativo e prestazioni migliori per montare film, comporre musica o inventare nuovi spazi.

Con l'iPod e l'iPhone l'azienda di Cupertino negli anni duemila riuscita a diventare brand di massa, quanto e pi della Coca cola, e non pi solo marchio di culto. l suoi introiti nel 2011 hanno superato il pil di Massachusetts, Michigan e New Jersey insieme.

L'evento dell'anno per gli hipster di tutto il mondo, e quindi per i consumatori che ambiscono a esserlo, oltre che per i possessori di azioni della Apple, era stata per anni la presentazione del nuovo nato della famiglia da parte di Jobs, in polo e pantaloni neri seriali.

Nei giorni successivi alla sua morte il 5 ottobre dello scorso anno, Steve Jobs stato pianto pubblicamente da tutti, come era accaduto con Lady D. Migliaia di persone hanno lasciato fiori, candeline e messaggini a Cupertino e di fronte gli Apple store di tutto il mondo, come fecero dopo il 31 agosto del 1997 i fan della principessa triste.

Le personalit pubbliche pi disparate fecero a gara per esibire la loro commozione e il loro lutto. Barack Obama commemor Jobs come l'eroe del sogno americano.

Il discorso che aveva pronunciato ad Harvard, un inno alla capacit di reinventarsi, di seguire i propri sogni e sopravvivere alle proprie malattie, divenne in breve tempo 'virale', uno dei pi cliccati su YouTube. Lo slogan ''stay hungry, stay foolish'' sembrava essere divenuta la ricetta per salvare il mondo dalla crisi e i giovani dalla disoccupazione. Ma non dur molto.

Pochi mesi dopo la sua morte, tuttavia, emerse grazie a un'inchiesta giornalistica il trattamento dei lavoratori cinesi alla Foxconn, la compagnia che fabbrica componenti per iPad e iPhone, oltre che per i giganti dell'elettronica di tutto il mondo. E' dal 2004 che la Apple ha iniziato a ridurre la produzione negli Stati Uniti (il 90% delle componenti dei prodotti Apple fabbricata all'estero).

Negli lavorano per la Apple 43mila persone. Ai 20mila dipendenti nelle sedi estere, si aggiungono 700 persone che lavorano per i 'contractors' che forniscono le componenti. E che magari, come avviene nel gigantesco complesso della Foxconn di Taiyuan, lavorano sei ore al giorno, magari anche pi di 12 ore ogni giorno.

Gli operai sottopagati di queste compagnie hanno poco da seguire i loro sogni. Pi che i dettagli poco edificanti della vita privata e della durezza di Jobs con i collaboratori, stato questo l'elemento che ha forse gettato pi di un ombra sul fondatore della Apple.

''L'uomo che ha acchiappato il futuro ora rischia di scivolare nella storia come raccontino morale sul prezzo da pagare per essere un genio. Quando era vivo, i suoi fallimenti personali gli venivano perdonati perch i suoi fallimenti personali erano il motore di nuovi prodotti. Quando morto, e i suoi prodotti non lo sono, i suoi fallimenti personali sono diventati parte della sua eredit. Era considerato insostituibile, ora nessuno vuole prenderne il posto e la sua fama quella di essere un testa di cavolo immortale'', il graffiante commento a un anno dalla morte della rivista Esquire. Al mondo, basta e avanza l'iPhone 5.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa