Yemen, anche Saleh si arrende: ''Non mi ricandido''

(foto Xinhua)  (foto Xinhua)
ultimo aggiornamento: 02 febbraio, ore 17:34
Sana'a - (Adnkronos/Ign) - Passo indietro del presidente yemenita, al potere da 30 anni: “Non passer il potere a mio figlio”. Domani il ‘Giorno della rabbia’: a Sana’a attese migliaia di persone


condividi questa notizia su Facebook

commenta commenta 0     vota vota 0    invia     stampa    
Facebook  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
Sana'a, 2 feb (Adnkronos/Ign) - “Non mi ricandider e non passer il potere a mio figlio”. Anche nello Yemen scricchiola il potere del presidente Ali Abdulla Saleh, saldamente in sella da 30 anni e con un mandato in scadenza nel 2013.

Con gli occhi fissi sulla rivolta popolare che in pochi giorni ha portato alla caduta del tunisino Ben Ali e alla resa di Hosni Mubarak nella terra dei Faraoni, Saleh oggi ha fatto un passo indietro nel tentativo di scongiurare l’onda lunga della protesta che arriva dal Maghreb.

"Nessuna proroga, nessuna successione familiare, nessun orologio che si ferma nel programma presidenziale", ha detto Saleh parlando al Parlamento alla vigilia del ‘Giorno della collera’ in programma domani a Sana'a.

I parlamentari dell’opposizione non hanno partecipato alla discussione: sostengono che la decisione del presidente sia troppo poco e arrivi troppo tardi, e confermano la loro adesione alla grande manifestazione. "Nonostante le promesse fatte oggi dal presidente di non ricandidarsi - hanno detto i vertici partito islamico yemenita 'al-Islah' alla tv araba 'al-Jazeera' - la manifestazione confermata perch vogliamo le sue dimissioni”.

Saleh al potere ininterrottamente dal 1978. Fu prima eletto presidente dello Yemen del Nord e fu poi confermato alla guida della nuova Repubblica dello Yemen, quando nord e sud si unirono nel 1990. stato rieletto l’ultima volta nel 2006.

Lo Yemen, che vive nell'ombra del maggior esportatore di petrolio al mondo, l'Arabia Saudita, sta lottando con una crescente disoccupazione e con il calo delle riserve di acqua e petrolio. Circa la met dei suoi 23 milioni di persone vive con due dollari al giorno, o anche meno, e un terzo soffre di malnutrizione cronica. Saleh ha cercato di dare una risposta al malcontento, proponendo la scorsa settimana di aumentare il salario di tutti gli impiegati statali e del personale militare di almeno 47 dollari al mese.


pubblica la notizia su:  Facebook    segnala la notizia su:  Viadeo  OkNotizie  Segnalo  Wikio Friendfeed 
TAG
yemen-saleh
tutte le notizie di Esteri
commenta commenta 0    invia    stampa